Home Notizie Cronaca Roma

MURATELLA: MANIFESTAZIONI DI PROTESTA CONTRO IL CANILE COMUNALE

SHARE
canile_muratella

L’Associazione 100% Animalisti denuncia da tempo una cattiva gestione della struttura.
Il primo blitz degli attivisti dell’Associazione 100% animalisti risale alla notte tra il 7 e l’8 Giugno. Volantini, striscioni e slogan sono state le armi della prima protesta contro il canile comunale della Muratella, per denunciare una gestione inadeguata alla cura e manutenzione di circa 800 animali in affidamento presso la struttura.

L’11 Luglio è stata organizzata un’ulteriore manifestazione contro il canile, sempre organizzata dall’Associazione 100% Animalisti. Questa volta i toni si sono accesi ed è stato necessario l’intervento delle forze dell’ordine per smorzare la protesta. Si è registrato addirittura un ferito, il capotreno della stazione ferroviaria adiacente al canile, rimasto stordito dallo scoppio di un grosso petardo lanciato contro di lui. Le condizioni della vittima non sarebbero gravi.
Certo, se un gruppo di animalisti organizza una manifestazione contro la mala gestione di un canile comunale, l’amministrazione capitolina ha il dovere di interrogarsi, quanto prima, sulle ragioni della protesta e provvedere a fare chiarezza sulle accuse di maltrattamento e denutrizione da parte degli attivisti dell’Associazione.
Occorre, comunque, precisare che sia il canile della Muratela che quello di Vitinia, dove convivono la gestione della Asl relativa alla parte sanitaria e quella dell’Avcpp (Associazione volontari canile Porta Portese) che si occupa invece della gestione della struttura, ospitano un numero di cani superiore ad un criterio di funzionalità e che l’assegnazione alla Avcpp è scaduta nel dicembre 2008 e, attualmente, i volontari operano in stato di proroga.
Quindi, fermo restando la tutela dei lavoratori effettivamente operanti nelle strutture, sarà anche necessario, come afferma Fabrizio Santori (Presidente della Commissione consiliare speciale delle Politiche per la Sicurezza Urbana del Comune di Roma), “Tutelare il benessere degli animali all’interno dei canili comunali e allo stesso tempo fare luce sui fondi pubblici versati in favore delle associazioni che li gestiscono. Appare spropositata – conclude F. Santori – la somma complessiva di Euro 15.850.000 sovvenzionata dal 2005 al 2009 dall’amministrazione comunale di Roma a fronte di una gestione superficiale e scadente dei canili comunali”.

 

Simona D’Auria
Urloweb.com

SHARE