Home Notizie Città Metropolitana

Pomezia: nessuna presenza di idrocarburi sugli ortaggi

La regione rende noti i risultati delle analisi dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e Toscana

SHARE

I MONITORAGGI – Proseguono i monitoraggi a seguito dell’incendio che venerdì scorso ha colpito lo stabilimento di stoccaggio di rifiuti della Eco X di Pomezia. A rendere noti i dati dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e Toscana è la Regione.

I RISULTATI – “L’Istituto – si legge in una nota – ha inviato questa mattina alla Asl RM 6 i dati relativi al piano di monitoraggio sulle matrici vegetali a seguito dell’incendio presso la Eco X di Pomezia. I dati rilevano la totale assenza di IPA (Idrocarburi policiclici aromatici) nelle zone di Ardea, Pomezia, Lanuvio, Aprilia, Anzio e Genzano dove sono stati esaminati il trifoglio e l’orzo dal campo, insalata, il grano, le foglie di fava e carciofo, fieno misto, prato per pascolo ovini, scarola, insalata, bieta, lattuga, piselli e foglie. Il monitoraggio proseguirà anche nei prossimi giorni e verranno inoltre comunicati i dati relativi alla eventuale presenza di diossine”.

I DIVIETI – Intanto nella giornata di oggi il Comune di Roma ha rivisto il divieto diramato ieri relativo l’acquisto di prodotti in un area di 50Km dal luogo dell’incendio. Il nuovo limite di 5Km è riferito a tutte le imprese di ristorazione in appalto e in autogestione che operano nella Capitale.

L’AMIANTO – Inoltre il Centro di riferimento Regionale Amianto (CRRA) ha comunicato alla ASL Rm6 i dati relativi agli accertamenti sulla possibile aero dispersione di fibre di amianto. I risultati degli accertamenti con le micro fotografie “non confermano una significativa dispersione di fibre di amianto all’intorno dello stabilimento – si apprende dalla Regione – il particolato raccolto mostra l’assenza di fibra di amianto e allo stesso tempo mostra una prevalenza di materiale organico di micro particelle inorganiche e rare fibre vetrose artificiali”.

SHARE