Home Notizie Cronaca Roma

Preferenziale Viale Marconi: gara per i lavori entro l’anno

Prosegue l'iter per la realizzazione della corsia preferenziale, la Sindaca Raggi annuncia l'apertura della Conferenza di Servizi

SHARE

MARCONI – È la Sindaca Virginia Raggi ad annunciare attraverso il suo profilo Facebook la partenza della Conferenza di Servizi per la realizzazione della corsia preferenziale di Viale Marconi. “Si è aperta la Conferenza dei servizi sulla nuova preferenziale da realizzare al centro della carreggiata – ha comunicato la prima cittadina – Verrà creata anche una corsia ciclabile ai lati della strada, sul modello di via Tuscolana. Un intervento deciso con i cittadini che hanno potuto esprimere le loro preferenze attraverso una consultazione online”.

IL PROGETTO – L’intenzione è quella di collegare la Stazione Trastevere e le due fermate della Metro B, San Paolo Basilica e Marconi, inizialmente con una preferenziale per il trasporto su gomma, mentre nell’immaginario dell’Amministrazione capitolina c’è già la modifica in tram-via. I due progetti, seppur insistono sullo stesso tratto di strada, seguiranno differenti linee di finanziamento (molto più costosa la tram-via) e tempi diversi (netta priorità alla preferenziale). La tram-via nell’idea progettuale partirà dalla Stazione Trastevere e superato Ponte Marconi devierà verso la Stazione San Paolo Basilica della Metro B; mentre la preferenziale proseguirà fino ad arrivare alla Stazione Marconi. “Favorire lo spostamento dei cittadini e il trasporto pubblico, ridurre i tempi di attesa, aumentare la sicurezza per gli utenti. È quello che stiamo facendo con il progetto di riqualificazione di viale Marconi – ha commentato oggi la Sindaca – una strada molto importante nella parte sud della città”.

I PROSSIMI PASSI – “Ora – seguita la Raggi – si sta ultimando il progetto esecutivo ed entro la fine di quest’anno sarà bandita la gara per i lavori”. La fretta è dovuta alla presenza dei fondi in bilancio e alla necessità di assegnare i lavori entro la fine dell’anno per evitare di perdere ulteriormente tempo, come già successo in passato. “In questo modo – conclude Virginia Raggi – miglioreremo i tempi di percorrenza dei bus, diremo addio alle macchine parcheggiate in doppia fila e offriremo un percorso sicuro per chi si vuole spostare in bici”.

I DUBBI SUL PROGETTO – Le perplessità su questo intervento non mancano e sono state avanzate sia dai residenti della zona che da alcuni esponenti dell’opposizione in Municipio XI. I dubbi riguardano principalmente gli effetti negativi che l’intervento potrebbe avere sul quadrante, sia dal punto di vista della mobilità privata, che sul numero dei parcheggi disponibili in uno dei quartieri più popolosi della Capitale. La preoccupazione è legata anche alla diminuzione dello spazio disponibile per il traffico privato, che da due corsie passerebbe ad una singola corsia per senso di marcia, facendo così posto alla preferenziale e alla pista ciclabile.

Leonardo Mancini