Home Notizie Cronaca Roma

Rifiuti: blitz dell’Assessore Muraro nella sede di AMA

SHARE
muraro fortini

Incontro ai vertici in diretta Facebook su accumulo dei rifiuti e sistema degli impianti

L’INCONTRO MURARO-AMA – L’incontro dell’Assessore all’Ambiente di Roma, Paola Muraro, con i vertici dell’AMA è stato trasmesso questa mattina in diretta Facebook dalla pagina del M5S romano. L’incontro, definito a più riprese un ‘blitz’, si è concluso con un atto d’accusa nei confronti della municipalizzata: “L’emergenza rifiuti l’avete creata voi”. Una riunione necessaria viste le condizioni in cui versa la Capitale, durante la quale si è spaziato dall’abbandono indiscriminato dei rifiuti in strada, fino alle difficoltà sullo smaltimento dei materiali nelle isole ecologiche, passando per il sistema degli impianti in sofferenza. “Nessuno va via da qui se non stiliamo un documento operativo per uscire dall’emergenza”. Così l’Assessore Muraro durante l’incontro, per lei il problema principale sarebbe nella decongestione degli impianti di Rocca Cencia e di Salario, da ottobre in situazione emergenziale: “Noi da qui dobbiamo uscire con un piano di rientro, sia sulle strade sia sugli impianti – si legge nel virgolettato riportato da Omniroma – Non può passare il messaggio ‘tanto denunciate che non ci sanzionano’, non esiste, chi sbaglia in Ama deve pagare e i romani hanno ragione, non state pulendo la città ed è il momento che vi assumiate le vostre responsabilità”.

IL BOTTA E RISPOSTA SU ROCCA CENCIA – L’attenzione si è poi spostata sull’impianto di Rocca Cencia, nelle disponibilità del gruppo Co.La.Ri. di Manlio Cerroni, ma affidato alla ditta Porcarelli. L’Assessore ha chiesto perché un impianto messo a disposizione di Roma Capitale con una Delibera Regionale non venga utilizzato. Perentoria la risposta di Fortini: “Io non chiederò mai a Cerroni di usare il suo tritovagliatore se non me lo dicono le autorità, Regione o Comune. Poi se ci viene chiesto e se la Regione fissa una tariffa calmierata allora dal giorno dopo sono pronto a portarci i rifiuti”. Per l’Assessore Muraro il problema non sussisterebbe, in quanto l’impianto è affidato ad un altro privato. Tant’è che insiste chiedendo conto delle richieste e delle sollecitazioni fatte dall’Ama alla Regione Lazio. “No, io non vado a dire alla regione cosa deve fare”, ha risposto Fortini. “Questa è una responsabilità grave Daniele”, ha poi replicato Muraro, “mi stai dicendo che per una questione di rapporti e di lettere la città è piena di rifiuti”. “Nella mia lettera all’assessore Buschini del 1 giugno glielo ho detto”, ha poi seguitato Fortini. “Allora perché non sei andato a perorare?” ha concluso l’Assessore.

RIFIUTI IN STRADA E SICUREZZA – L’Assessore Muraro ha poi sottolineato come l’accumulo di rifiuti in strada possa diventare un problema di sicurezza: “In un momento di allerta terrorismo non si può lasciare in strada una montagna di sacchetti dove potrebbe nascondersi una bomba”. Fortini si è però difeso da queste affermazioni sottolineando che la municipalizzata dei rifiuti non si occupa di questioni di ordine pubblico. A questo l’Assessore ha risposto lasciando comunque sottintendere delle responsabilità: “Se si lascia la possibilità di mimetizzare cose…”.

LeMa