Home Rubriche City Tips

Roma: anche quest’anno torna l’ordinanza anti-alcol

Sono coinvolte alcune strade di 14 municipi e resterà in vigore fine al 31 ottobre

SHARE
movida-alcolici2

L’ORDINANZA – Scattano da domani e saranno in vigore fino al 31 ottobre i divieti imposti dalla nuova ordinanza anti alcol varata dalla Sindaca Virginia Raggi. Il testo stabilisce il divieto di vendita, somministrazione e consumo di bevande alcoliche e superalcoliche in specifiche aree del territorio capitolino oltre determinati orari.

DAL CAMPIDOGLIO – La Sindaca Raggi ha utilizzato Facebook per annunciare la firma dell’ordinanza di quest’anno: “Vogliamo che durante l’estate le serate romane non vengano rovinate da episodi legati a un eccessivo consumo di alcol nelle strade e nelle piazze della città – spiega – Rispetto agli anni passati, le restrizioni riguardano un numero maggiore di aree: sono coinvolti 14 Municipi su 15. A chi frequenterà i luoghi della movida romana – conclude – rivolgo invece l’augurio di divertirsi con senso di responsabilità. La città è di tutti e dobbiamo rispettarla”.

I LUOGHI – Il provvedimento riguarda le zone tipiche della ‘movida’, dove si registrano i maggiori problemi: centro storico, Monti, Celio, Esquilino, Trastevere, Testaccio, Prati, San Lorenzo, Ponte Milvio, Eur, Ostia.

GLI ORARI – In tutti i giorni della settimana per agli avventori dalle ore 24.00 alle ore 7.00 viene fatto divieto di consumo di bevande alcoliche e superalcoliche su strade pubbliche o aperte al pubblico transito. La sanzione amministrativa in questo caso sarà di 150 euro. Inoltre dalle ore 22.00 alle ore 7.00 si vieta il consumo in contenitori di vetro per strada. Anche in questo caso la sanzione prevista è di 150 euro. Per gli esercenti dei locali, per tutti i giorni della settimana dalle ore 22.00 alle ore 7.00, è vietata la vendita di bevande alcoliche e superalcoliche per asporto, nonché attraverso distributori automatici e presso attività di somministrazione di alimenti e bevande. La sanzione in questo caso risulta più salata e tocca i 280 euro. Stessa cifra dovranno pagare gli esercenti che dalle ore 2.00 alle ore 7.00 venderanno bevande alcoliche nelle aree esterne attrezzate di pertinenza del locale, o attraverso distributori automatici e in circoli privati.

GLI AVVISI – Tutti gli esercenti saranno, inoltre, obbligati a esporre all’interno e all’uscita del locale, in modo visibile e leggibile, un avviso tradotto in quattro lingue (inglese, francese, spagnolo, tedesco) con uno schema in cui vengono indicate tutte le misure stabilite dall’ordinanza.