Home Notizie Cronaca Roma

Roma: Antonella Giglio è la nuova amministratrice di AMA

SHARE
ama-sede-roma

La nomina questa mattina in commissione Ambiente

LA NOMINA – È arrivato questa mattina il parere favorevole della commissione capitolina Ambente sulla nomina di Antonella Giglio alla carica di amministratore unico di AMA. L’avvocato di origini lombarde trapiantata a Roma dal 1997, ha avuto i voti favorevoli di tutti i consiglieri penta-stellati, e tre voti contrari dall’opposizione. 

IL CURRICULUM – Il curriculum di Giglio è stato l’unico presentato oggi in commissione. “Sono pervenuti 34 curricula – ha spiegato il presidente della commissione Daniele Diaco – Abbiamo vagliato i vari profili insieme al sindaco e all’assessore Muraro e calcolato che il profilo più idoneo ed efficiente per Ama sia quello dell’avvocato Antonella Giglio”. Sempre a quanto affermato da Diaco: “La sua conoscenza e il suo background di importante levatura saranno fondamentali per ridare vigore ad Ama e dare un futuro diverso puntando sulla trasparenza, l’efficienza, e la legalità, perché sappiamo come alcuni bandi e gare in anni passati hanno riscontrato grosse criticità. Questa figura importante per l’amministrazione rappresenterà una svolta per Ama, che dovrà seguire attentamente gli indirizzi dell’amministrazione M5s”.

NESSUNA PROPOSTA DALLA COMMISSIONE – Il consigliere forzista, Davide Bordoni, non ha partecipato al voto sulla nomina, in netta contrapposizione alla presentazione di un solo curriculum: “La commissione non ha solo un ruolo di ratifica ma anche di proposta, se c’è stata procedura con 34 curriculum io vorrei vederli tutti, altrimenti è un fatto lesivo dei nostri diritti. Non parteciperò alla votazione e mi riserverò azioni nelle sedi competenti per vedere se la procedura è corretta”. A questa posizione ha risposto il consigliere del M5S Enrico Stéfano: “Anch’io ho fatto il consigliere di opposizione e devo dire che è giusto fornire tutti i curriculum, lo faccio per onestà intellettuale visto che se si va a guardare i verbali della scorsa consiliatura troverete le stesse richieste a nome del consigliere Stefano. Sono certo che per le prossime nomine sicuramente faremo più attenzione anche alle esigenze delle opposizioni”.

I VOTI CONTRARI – A votare contrariamente alla nomina di Antonella Giglio sono stati i consiglieri d’opposizione Valeria Baglio e Ilaria Piccolo, entrambe PD, assieme a Andrea De Priamo di FdI. “Ai consiglieri della Commissione è stato portato un solo curriculum – commenta Valeria Baglio – Sugli altri 34 è mistero: quei curricula sono rimasti in qualche cassetto. Ci è stato detto che alcuni non avevano neppure i requisiti per la carica. E questa è trasparenza? Forse un certo imbarazzo c’è negli stessi consiglieri di maggioranza se Enrico Stefano del M5S si è affrettato a riconoscere che non accadrà mai più e che in futuro tutti i curricula potranno essere visionati dai membri delle commissioni interessate”.

Leonardo Mancini