Home Notizie Cronaca Roma

Sgombero del Centro Sociale Horus

SHARE
sgombero

Ecco i pareri contrastanti di alcuni dei politici del territorio capitolino.
E’stato sgomberato questa mattina, durante un’azione congiunta di Polizia e Carabinieri, il centro sociale Horus in Piazza Sempione. Per protestare contro questa azione i ragazzi del centro sociale hanno occupato la sede del Municipio IV di Via Monte Rocchetta, mentre all’interno erano presenti alcuni dipendenti ed il Presidente stesso Cristiano Bonelli.
Fabrizio Santori, Presidente della Commissione Sicurezza del Comune di Roma commenta così la vicenda: “Questo intervento rappresenta solo un piccolo passo per raggiungere gli obiettivi di rispetto della legalità attesi con ansia soprattutto da quei settori di cittadini che si ritrovano nelle loro zone la presenza di una delle più di cento occupazioni abusive nella Capitale, mappate nei mesi scorsi dalla commissione Sicurezza. Continueremo a chiedere al Prefetto di Roma un intervento urgente e indifferibile nei confronti delle altre occupazioni in atto, alcune delle quali sono gestite da personaggi di cui tuttora non sono nemmeno note connotazioni e finalità. Riteniamo, soprattutto, che non siano più eludibili le occupazioni degli stabili di Corso Italia, di via dei Radiotelegrafisti e dell’ex 8 Marzoalla Magliana dove, nonostante gli arresti ordinati dalla Procura di Roma, la scuola rimane sotto il controllo degli occupanti».
Il Vice Presidente del Consiglio e Capogruppo di Rifondazione Comunista del Municipio XVI Massimiliano Ortu sull’accaduto: “”Lo sgombero del Centro Sociale Horus di questa mattina rappresenta l’ennesimo atto di chiusura di questa amministrazione comunale nei confronti di tutte le esperienze di aggregazione sociale della città. Condanniamo questo ennesimo atto di intimidazione orchestrato dalla destra che governa Roma, prigioniera dei suoi atavici pregiudizi ideologici. Esprimo la mia solidarietà ai ragazzi e alle ragazze del Centro sociale”.
Secondo Ciardi, delegato del Sindaco alle politiche per la Sicurezza: “Anche se fatta per fini sociali e culturali o per un comprensibile bisogno di spazi da parte dei giovani, infatti, la pratica dell’occupazione è pur sempre priva di legittimità e lesiva degli interessi collettivi, a prescindere dall’appartenenza ideologica degli occupanti”.
Infine per l’Assessore alla Cultura, Spettacolo e Sport della Regione Lazio, Giulia Rodano: “L’esperienza dell’Horus è da sempre preziosa e propulsiva per tutto il IV municipio – continua Rodano – e le opportunità culturali offerte dal centro sociale sono state per molti un’alternativa valida al degrado e all’inedia di quartieri privi di cinema, di teatri, di sale prove a costi accessibili. Per questo ritengo che lo sgombero realizzato stamane costituisca la peggior risposta possibile che le istituzioni possano dare al disagio”.

Melissa Pintucci
Urloweb.com