Home Notizie Cronaca Roma

Tevere: partono i lavori per ripristinare la ciclabile all’altezza di Ponte Sublico

Iniziati oggi i lavori ripristino da parte della Regione ad otto mesi dal crollo

SHARE

Sono partiti i lavori di recupero dell’argine del Tevere all’altezza di Ponte Sublicio. Un intervento atteso dal 22 luglio scorso, quando il crollo di una parte del muraglione invase la pista ciclabile sottostante

IL CROLLO – Nel pomeriggio del 22 luglio scorso un pezzo di parete degli argini del Tevere, in prossimità di Ponte Sublicio (Porta Portese), si è staccata crollando sulla pista ciclabile in riva al fiume. Fortunatamente nessun ciclista o pedone si trovava a transitare in quel punto al momento del crollo, nonostante la zona sia molto frequentata da ciclisti e da chi pratica jogging.

LA PETIZIONE – Nel settembre scorso alcuni cittadini hanno lanciato una petizione online per il ripristino della ciclabile. Estensore della petizione è Salvatore Serra, rappresentante del CdQ Marconi: “Chiediamo il ripristino della ciclabile che da mesi è interrotta con grande danno per la cittadinanza di Roma, che utilizza quella struttura per correre, andare in bicicletta o semplicemente passeggiare – si legge nel testo diretto al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti – La situazione è pericolosa in quanto i cittadini, data la cronica mancanza di strutture che favoriscano la ciclabilità urbana, attraversano quella zona a rischio di ulteriori crolli. Chiediamo pertanto un pronto ed immediato ripristino”.

L’ESPOSTO – A novembre si è svolto un nuovo atto di questa storia, di cui è stata protagonista l’Associazione Salvaciclisti-Roma, cui va dato il merito di aver riacceso i riflettori su questa spiacevole lentezza. Il 19 novembre scorso i membri dell’Associazione hanno presentato un esposto contro la Regione Lazio, dopo aver già diffidato l’ente ad intervenire con urgenza “con lavori di messa in sicurezza e manutenzione straordinaria dell’argine, anche in vista dell’arrivo delle piogge e di possibili piene del fiume”

PARTONO I LAVORI – Finalmente nella giornata di oggi gli attesissimi lavori sono iniziati ed è proprio Salvaiciclisti-Roma a ripercorrere le tappe di questo lunghissimo iter: “L’associazione si era da subito attivata individuando i soggetti competenti ad intervenire per la messa in sicurezza e il ripristino della viabilità ciclabile: Regione in primis, Soprintendenza capitolina e Comune in via sostitutiva. Dopo una serie di diffide, esposti, e colloqui con il Pubblico Ministero incaricato del caso, finalmente la Regione si è risolta ad intervenire – spiegano dall’Associazione – L’evento del crollo era stato a dir poco eccezionale e aveva colpito tutta la comunità ciclistica romana. Salvaiciclisti-Roma, aveva repentinamente denunciato l’inerzia istituzionale, rilevando come la ciclabile Tevere sia una delle poche arterie cittadine che consentano di attraversare in sicurezza tutta la città, e per questo quotidianamente percorsa non solo da cicloturisti ma anche da persone che hanno scelto il mezzo della bicicletta per recarsi al lavoro”.

Leonardo Mancini