Home Notizie Cronaca Roma

Trofeo dei due Laghi Nemi e Castel Gandolfo

SHARE

Manifestazioni per sostenere Roma come candidata alle Olimpiadi del 2020.

E’ Roma la città italiana designata dal CONI a concorrere per la corsa alle Olimpiadi del 2020.  Lo ha deciso con un voto quasi unanime il Consiglio nazionale del Comitato olimpico.
Numerose sono le manifestazioni sportive volte a sostenere la partecipazione della città eterna alle Olimpiadi. Segnaliamo, per gli appassionati del nuoto in acque libere, il Trofeo dei due laghi Castel Gandolfo e Nemi. Tale Trofeo – inserito dal CONI all’interno del calendario per le celebrazioni del 50° anniversario delle Olimpiadi di Roma 1960 – comprende 4 manifestazioni natatorie a carattere nazionale valide per il  Campionato Italiano ed inserite nel  Circuito Gran Prix 2010, nello specifico:
–    Il 1° Trofeo Nazionale di Nuoto delle Naumachie che si svolgerà  Domenica 25 Luglio presso il centro CONI in via dei Pescatori  a Castel Gandolfo con due gare sulla distanza di km 2.5 e km 5.0;
–    Il 2° Trofeo Città di Nemi che si svolgerà Domenica 1 Agosto presso il centro Canoe del Lago di Nemi con altrettante gare sulla distanza di km 3 e km 6;
Gli organizzatori delle manifestazioni, Pierpaolo Manzetti (fiduciario CONI) ed Amedeo Spanò (tecnico federale FIN) ricordano che l’evento è stato organizzato dalla Blue Wave Team Evolution di Roma, la Sport & Fitness s.s.d di Roma, il Circolo Velico Lucano di Policoro, Il Comune di Nemi e la S.S.D. Matrix di Genzano, sotto l’egida della F.I.N. e del Comitato Regionale Lazio,  con il Patrocinio del CONI Provinciale, del Comune di Castel Gandolfo, della Regione Lazio e dell’INPDAP.
Potranno prendere parte alla gara tutti gli atleti in regola con le vigenti normative sportive sanitarie nazionali. Per iscriversi è obbligatorio compilare  il modulo on-line sul sito www.ladottrina.it. La tassa di iscrizione è di euro 12 per gara, ed euro 20 per le due gare, da pagare in loco.
“Gli obiettivi della manifestazione – specifica il tecnico Amedeo Spanò – sono diversi e tutti importanti: la valorizzazione dell’aspetto naturalistico dei Castelli Romani, la ricerca di nuovi percorsi di gara vicino Roma, far emergere nuovi talenti sportivi e suscitare in loro un sano agonismo contro l’apatia e l’indifferenza, sostenere ed aiutare Roma ad ospitare le  Olimpiadi del 2020, ma anche fare beneficenza. Infatti  parte degli incassi saranno devoluti alla Onlus Wirt Found che si dedica al supporto dei bambini sordi e sordociechi e delle loro famiglie. Infine – conclude il tecnico – è doveroso ringraziare la Croce verde di Collevecchio che metterà a disposizione un’autoambulanza indispensabile per completare la messa in sicurezza dell’evento, insieme al supporto del direttore del Centro Tecnico Federale di Canottaggio, della Protezione Civile, dei sommozzatori dei Carabinieri e del gruppo cinofilo del Tirreno”.

Simona D’auria