Home Notizie Cronaca Roma

Via delle Sette Chiese ancora chiusa, così dal Municipio VIII parte il conto dei giorni

Dopo il cedimento di una parete di tufo seguita il rimpallo di responsabilità tra i diversi Dipartimenti comunali

SHARE

GARBATELLA – Venerdì scorso (30 novembre) un cedimento della parete di tufo dell’area verde di Parco Brin ha causato la chiusura del tratto finale di via delle Sette Chiese. I Vigli del Fuoco intervenuti e la Polizia Locale hanno disposto la chiusura, e da allora sulla strada non ci sono stati interventi.

VIA DELLE SETTE CHIESE – Eppure questo tratto non è tra i meno trafficati del quadrante, anzi. È uno dei collegamenti tra il quartiere di Garbatella, quello di San Paolo e di Ostiense, il tutto in un quadrante già vessato dalla chiusura del ponticello ferroviario di via Giulio Rocco (a poche centinaia di metri).

I RIMPALLI – Così dal Municipio VIII, tanto per mantenere alta l’attenzione, si è iniziato a tenere il conto dei giorni. Al momento siamo al 5 giorno dallo smottamento, come conferma la foto fatta girare sui social del Presidente Amedeo Ciaccheri: “Venerdì stesso il municipio ha richiesto un intervento urgente all’assessora Pinuccia Montanari, competente in materia, informandone la sindaca Virginia Raggi – spiega Ciaccheri nel riepilogo fatto sugli ultimi sviluppi – Ma lunedì 3 dicembre inizia lo scarica barile, il Dipartimento Ambiente comunica che il ripristino è competenza della Protezione Civile, sempre in capo a Roma Capitale”. Il giorno seguente invece il Dipartimento Protezione Civile ha risposto che la competenza di sistemare i giardini è del Dipartimento Ambiente. “Martedì stesso – seguita il minisindaco – il Municipio reitera la richiesta di intervento urgente all’assessorato comunale competente”.

LE DIFFICOLTÀ DEL QUADRANTE – Intanto i giorni stanno passando e la strada resta ancora chiusa: “A fronte di questo indecoroso scarica barile – conclude Ciaccheri – si sommano i disagi per la cittadinanza, aumentano le difficoltà nella raccolta dei rifiuti, nel traffico veicolare e nei passaggi pedonali di un’area già vessata dall’interruzione del ponte Giulio Rocco. Quanto dovremo ancora attendere prima che lor signori inizino a fare il proprio dovere?”.

LeMa