Home Notizie Cronaca Roma

Viadotto Magliana, il Municipio XI assicura: il futuro della sperimentazione sarà deciso il 9 agosto

Dal M5s confermano: prima di prolungare la sperimentazione si valuteranno tutti i dati

SHARE

IL PROLUNGAMENTO – Nella giornata di ieri ha fatto scalpore la notizia, supportata anche da una nota del dipartimento Mobilità inviata a tutti gli attori coinvolti, del prolungamento della sperimentazione sul Viadotto della Magliana fino al 9 ottobre prossimo. Decisione che sarebbe arrivata, sempre stando alla data della nota, il 12 luglio scorso, ben prima che in Consiglio Municipale (17 luglio) la maggioranza grillina assicurasse che qualsiasi decisione sulla sperimentazione non sarebbe stata prima di vedere tutti i dati il 9 agosto prossimo.

DAL MUNICIPIO XI – La replica alle accuse e alle richieste di dimissioni da parte delle opposizioni non arriva direttamente dal minisindaco Torelli, che invece riprende un post (non una nota ufficiale) del suo assessore alla Mobilità, Stefano Lucidi: “La sperimentazione si concluderà il 9 agosto, come dichiarato in Consiglio Municipale ieri dal Presidente Mario Torelli. I risultati verranno attentamente monitorati e valutati da Roma Servizi per la Mobilità e Dipartimento e illustrati al Municipio XI – ha comunicato Lucidi attraverso la sua pagina Facebook – Qualora non siano soddisfacenti, il Presidente Mario Torelli, il sottoscritto ed il Presidente della Commissione Mobilità Marco Zuccalà, chiederanno di rimuovere la sperimentazione e ripristinare la viabilità ordinaria ante operam”. L’Assessore Lucidi ha poi dato l’interpretazione del Municipio in merito alla comunicazione del dipartimento che disporrebbe il prolungamento della sperimentazione: “Relativamente alla nota del Dipartimento Mobilità del 12 luglio, eventuali decisioni in merito ad un prolungamento, dovranno essere supportate dai dati raccolti al 9 agosto”. Inoltre il richiamo è alla mozione approvata in Municipio XI dalla maggioranza grillina appena il 17 luglio scorso. Con essa, aggiunte Lucidi, si impegna “la Giunta ed il Presidente a rendere pubblici i risultati della sperimentazione, valutare con attenzione i dati tecnici prima di esprimere un parere sulla prosecuzione e richiedere un accelerazione per la realizzazione del Ponte dei Congressi”.

LE RICHIESTE DEGLI ATTI – Dopo la nota arrivata ai cittadini da parte dell’URP in risposta alle segnalazioni dei disagi sulla Roma-Fiumicino, il Pd vuole vederci chiaro. Attraverso la Consigliera Giulia Fainella, presidente della Commissione Controllo, Garanzia e Trasparenza, è stata infatti inviata a tutti gli enti coinvolti nella vicenda formale richiesta per ottenere il foglio presenze e il verbale della riunione dell’11 luglio scorso (da cui deriverebbe la nota con cui il Dipartimento Mobilità prolungherebbe la sperimentazione), oltre a tutta la corrispondenza intercorsa tra le parti.

CONTINUANO I DISAGI – Stando a quanto leggiamo, anche se nutriamo alcuni dubbi in merito, la nota del dipartimento non sarebbe quindi vincolante per le istituzioni cui è stata inviata (compresa la Polizia Locale che dovrebbe disporre il prolungamento). Inoltre l’invio della stessa dall’Urp ai cittadini che avevano segnalato i disagi sulla Roma-Fiumicino, sempre a quanto si legge nelle affermazioni di alcuni esponenti della maggioranza in Municipio XI, sarebbe stato un errore, una leggerezza. Molto diversa l’interpretazione che di questa vicenda stanno hanno i cittadini. Loro, che sulla Roma-Fiumicino stanno da settimane riscontrando un traffico assolutamente inconsueto per questo periodo dell’anno, sono invece convinti che la sperimentazione proseguirà fino ad ottobre e che la nota del Dipartimento sia la prova che il Municipio XI e la maggioranza locale siano stati scavalcati. Purtroppo la verità sui dati, sulla reale funzionalità della sperimentazione e sulla sua possibile prosecuzione, la sapremo soltanto dopo il 9 agosto. Superata la data originale in cui si sarebbe dovuta fermare la sperimentazione, vedremo se verrà dato seguito o meno a quanto riferito (e votato) in aula dagli esponenti del M5s in Municipio XI.

Leonardo Mancini