Home Notizie Città Metropolitana

La Provincia assicura “una scuola di livello europeo”

SHARE
Provincia - Stella

L’assessore Stella: “Investiti 162 milioni di euro per valorizzare strutture, studenti e insegnanti”. 
Il nostro Paese attraversa un momento complesso, che si avverte in maniera tanto più acuta in settori fondamentali della nostra società: il lavoro e la scuola.
La recente apertura dell’anno scolastico 2009/2010 è senza dubbio caratterizzata da uno scenario di difficoltà che mette a dura prova il sistema della scuola pubblica per effetto dei tagli operati dal governo e dalla riforma Gelmini in un settore cruciale come l’istruzione.
Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti coloro che hanno a cuore il futuro della scuola: mancanza di risorse – anche per le attività didattiche fondamentali – taglio delle cattedre e conseguente sovraffollamento delle classi, con gravi effetti sotto il profilo della didattica e della sicurezza degli studenti.

A questo si aggiunge la drastica riduzione – detto in modo più chiaro, l’espulsione dal mondo del lavoro – di un numero altissimo di insegnanti precari. Migliaia di persone, in attesa di un riconoscimento del proprio merito e dei propri sacrifici, considerate alla stregua di voci di bilancio da tagliare. “Come Provincia di Roma e Assessorato alle Politiche della Scuola –afferma l’Assessore Paola Rita Stella- vogliamo esprimere agli insegnanti colpiti dai tagli e alle loro famiglie tutta la nostra solidarietà. Nei fatti e non solo con le parole, per quanto di competenza dell’ente che rappresentiamo”.
Questa premessa è necessaria di fronte alle agitazioni e alle inquietudini che attraversano il mondo della scuola, di fronte alle proteste dei tanti precari emarginati dal mondo del lavoro e alla drastica riduzione delle risorse disponibili per i nostri studenti.
“A questo stato di cose la Provincia di Roma intende rispondere con i fatti, puntando sugli investimenti e sulla valorizzazione del sistema scolastico, che è e continuerà ad essere una delle priorità di questa amministrazione”.
La Giunta Zingaretti è, infatti, impegnata dal giorno del suo insediamento, pur in un quadro di difficoltà di bilancio, a stanziare, anche grazie ai contributi della Regione Lazio, consistenti risorse per la crescita delle nostre scuole.
I numeri parlano chiaro: ad oggi sono state approvate 233 delibere, per un importo complessivo pari a  oltre 162 milioni di Euro. Una somma destinata alla ristrutturazione e alla messa a norma degli istituti scolastici, agli interventi di nuova edilizia e a quelli di somma urgenza che si sono resi necessari a causa del maltempo e degli effetti del sisma che ha colpito l’Abruzzo.
“Solo nell’anno 2009 –continua l’Assessore Stella- abbiamo disposto interventi che interessano 104 istituti superiori di Roma e Provincia e molti altri ne seguiranno in coerenza con il piano triennale delle opere varato dalla Giunta Zingaretti. Il nostro obiettivo è quello di rendere le nostre scuole sempre più moderne, sicure e funzionali.
Allo stesso modo intendiamo proseguire sulla via del potenziamento dell’offerta formativa per i nostri studenti. Largo spazio è stato dato, nello scorso anno scolastico, a progetti riguardanti la Memoria, l’interscambio culturale e l’educazione alla legalità e al contrasto del bullismo. Cito a titolo di esempio – come momenti particolarmente significativi – l’istituzione del primo premio dedicato alla memoria di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e il viaggio ad Auschwitz, che per la prima volta la Giunta Zingaretti ha voluto organizzare per coinvolgere anche gli studenti del territorio provinciale, in un percorso di ricordo e di impegno per il futuro contro ogni forma di intolleranza e odio razziale.
Vanno in questa direzione i progetti che contribuiranno a rendere ancora più ricca l’offerta formativa per l’anno scolastico appena iniziato. Voglio, inoltre, ribadire il nostro impegno a mettere in campo una strategia di contrasto al fenomeno della dispersione scolastica che rappresenta ancora purtroppo un grave problema che pregiudica il diritto allo studio. A questo proposito abbiamo già conseguito risultati significativi sui quali siamo impegnati con determinazione per costruire gli interventi futuri”.
“Il comune impegno al quale siamo chiamati è quello di costruire una scuola di livello europeo, moderna e all’avanguardia. Una meta che si può raggiungere solo attraverso un impegno condiviso tra Istituzioni, docenti, studenti e famiglie.
Invito voi studenti a fare la vostra parte con passione, confidando nella serietà del vostro impegno, nel senso di responsabilità e nel desiderio di ribadire con determinazione i valori della convivenza civile, della crescita collettiva e della tolleranza.
Documentatevi, leggete i giornali, usate le nuove tecnologie come internet in modo intelligente e utile per la vostra crescita. Perché migliorare voi stessi significa migliorare la società nella quale vivete.
Ma l’istituzione scuola, è bene ricordarlo, vive anche grazie alla dedizione, alla preparazione e all’impegno dei dirigenti scolastici, dei docenti e del personale amministrativo. A loro voglio rivolgere la mia gratitudine per l’opera quotidiana di educazione svolta tra molte difficoltà.
La scuola pubblica, con i suoi programmi e le sue regole, con il confronto tra diverse storie, culture e provenienze, è un bene prezioso che tutti siamo chiamati a proteggere e nutrire”.
“E’ questo il mio impegno e la precisa volontà della Giunta Zingaretti –conclude l’Assessore Stella- Un impegno da tradurre in pratica quotidiana insieme a voi studenti, ai vostri insegnanti e alle vostre famiglie.
Perché è dalla scuola che occorre ripartire per dare nuovo vigore alla nostra società. Una scuola che deve diventare davvero di livello europeo, ma non secondo un mero parametro economico di ricavi e costi.
E’ una scuola diversa, che ascolti e valorizzi in primo luogo gli studenti e gli insegnanti, ciò di cui questo Paese ha bisogno. Una scuola pubblica efficiente e moderna, frutto della sintesi dei pareri e delle esigenze di chi la anima e ci vive”.