Home Notizie Città Metropolitana

Zingaretti inaugura il cantiere di Ponte Lucano

SHARE
Provincia 2

Il presidente della Provincia alla posa della prima pietra insieme all’assessore alla Viabilità, Vincenzi. L’opera, finanziata con 22,5 mln di euro, è destinata a decongestionare la Tiburtina tra Tivoli e Guidonia.

Ventidue milioni di euro per decongestionare la Tiburtina.
Risorse investite dall’Amministrazione provinciale e destinate a rivoluzionare la viabilità nell’area compresa tra Tivoli, Villa Adriana e Villanova di Guidonia.
Giovedì 27 gennaio, il presidente Nicola Zingaretti e l’assessore provinciale a Viabilità e Lavori Pubblici, Marco Vincenzi, hanno inaugurato l’apertura del cantiere per realizzare un complesso sistema di svincoli e nuove rotatorie tra la Tiburtina e la strada provinciale Maremmana inferiore che cambierà in modo decisivo il volto della mobilità in un quadrante dell’area nord-est fortemente compromesso dal traffico.
“Apriamo un cantiere per portare a termine un’opera infrastrutturale di notevole complessità – ha spiegato il presidente Zingaretti che simbolicamente il giorno dell’inaugurazione dei lavori ha posato la prima pietra – e per raggiungere questo risultato è stata decisiva la collaborazione tra l’Amministrazione provinciale e i comuni di Tivoli e Guidonia. Solo con una forte intesa istituzionale, infatti, si velocizzano le procedure amministrative e si danno risposte concrete ai cittadini nel più breve tempo possibile”.
Dalle strade agli interventi per la mobilità, passando per le scuole, il presidente della Provincia ha ricordato i lavori messi in campo dalla sua Amministrazione: “Abbiamo inaugurato il raddoppio del primo tratto della Laurentina – ha aggiunto Zingaretti –  sono in programma interventi per l’ampliamento di via Ardeatina, per realizzare la Nomentana bis e i parcheggi di scambio. E’ in corso la costruzione della tangenziale di Subiaco e presto apriremo un nuovo cantiere per collegare Ardeatina e Nettunense”.
“Complessivamente – ha concluso Zingaretti – in poco più di un anno e mezzo l’Amministrazione provinciale ha investito circa 110 milioni di euro per realizzare nuove infrastrutture viarie e riqualificare la rete stradale provinciale. Uno straordinario impegno in termini di risorse finanziarie che oltre a migliorare la qualità della vita dei cittadini, come ci aspettiamo quando i cantieri saranno ultimati, sta contribuendo a sostenere il sistema produttivo del territorio, l’occupazione e il reddito dei lavoratori”.
L’intervento, ribattezzato “Nodo di Ponte Lucano”, è compreso a cavallo dei quartieri di Villa Adriana e Villanova di Guidonia, durerà circa 3 anni ed avrà un costo di circa 22,5 milioni di euro a carico della Provincia di Roma.
Prevista la costruzione di un nuovo tratto stradale tra la Tiburtina e la Maremmana inferiore e di un ponte sul fiume Aniene lungo circa 300 metri, oltre ad una rotatoria e uno svincolo a livelli sfalsati predisposto per la futura viabilità a 4 corsie della stessa Tiburtina.
Inoltre, verranno realizzate due rotatorie sulla Tiburtina in corrispondenza di via dei Canneti e di via di Ponte Lucano, una rotatoria su via Garibaldi ed una piste ciclabile tra via Garibaldi e ponte Lucano.
Attualmente sull’incrocio a raso tra la Maremmana Inferiore e la Tiburtina (sulla quale confluisce anche la strada comunale via Garibaldi), si formano quotidianamente pesanti ingorghi, costringendo gli automobilisti a file estenuanti che nelle ore di punta possono arrivare fino a 30-40 minuti per percorrere poche decine di metri. Con risvolti particolarmente negativi anche per l’inquinamento atmosferico e acustico. Sul “Nodo di Ponte Lucano”, infatti, confluiscono i residenti dell’area Tiburtina (Villa Adriana e Tivoli centro), della Sabina (Palombara e Marcellina) e dei popolosi quartieri di Tivoli Terme, Villalba, Villanova, Campolimpido e Guidonia centro che, attraverso l’autostrada A24, devono raggiungere la Capitale. Un nodo strategico per la mobilità del Nord-est, quindi, inserito in un quadrante che comprende circa 350-400mila abitanti e con un assetto infrastrutturale completamente inadeguato alle esigenze del territorio.
A conclusione dei lavori si prevede di abbattere del 36% l’inquinamento atmosferico (con riduzione delle particelle Pm 10 da circa 55mg/mc a 35mg/mc) e del 30% l’inquinamento acustico.
“L’apertura del cantiere rappresenta la tappa conclusiva di un complesso percorso, sintesi di una stretta intesa istituzionale tra la Provincia di Roma ed i comuni di Tivoli e Guidonia”, ha aggiunto l’assessore provinciale alla Viabilità, Marco Vincenzi. “Un percorso iniziato nel 2003 – ha proseguito Vincenzi, che dal 2003 al 2008 ha seguito in prima persona l’iter progettuale del nodo di Ponte Lucano come sindaco di Tivoli e oggi come assessore provinciale –  dove le Amministrazioni, senza badare al colore politico, si sono confrontate per ricercare insieme la migliore soluzione ed hanno collaborato per ridurre al massimo i tempi di approvazione di quest’opera che rappresenta uno dei principali interventi infrastrutturali nel quadrante Tiburtino e sarà in grado di dare una svolta alla mobilità in quest’area”.
“Apriamo il cantiere per realizzare un’opera infrastrutturale di 22,5 milioni di euro in grado di dare una risposta radicale e definitiva al congestionamento quotidiano della Tiburtina nel tratto compreso tra Villa Adriana e Villanova. Per importo e complessità tecnica e infrastrutturale, rappresenta uno dei principali interventi nel quadrante Nord-est, dove l’Amministrazione Zingaretti è fortemente impegnata a dare una risposta di sistema al problema della mobilità. L’inizio dei lavori per il Nodo di Ponte Lucano, infatti, – ha concluso Vincenzi – si accompagna all’approvazione da parte della Provincia dei progetti per 20 milioni di euro di raddoppio della Tiburtina dal Car ad Albuccione e della strada di collegamento tra la Tiburtina e il casello autostradale A1 previsto a Guidonia. Senza dimenticare l’impegno per realizzare agli Arci il nuovo ponte sul fiume Aniene e la galleria di Monte Ripoli”.
Erano presenti alla posa della pietra del “Nodo di Ponte Lucano”, anche il sindaco di Guidonia Eligio Rubeis e il commissario prefettizio di Tivoli, Mario De Meo.