Home Notizie Città Metropolitana

Zingaretti: “Roma Capitale deve avere la dimensione dell’area metropolitana”

SHARE
zingaretti3

Alla conferenza del 7 luglio folta platea anche di costruttori e imprenditori. Il Presidente della Provincia di Roma propone la costituzione di una ‘Conferenza Metropolitana’ che riunisca periodicamente i rappresentanti delle istituzioni locali.

Dare vita ad un processo partecipato tra Campidoglio, Comuni, Municipi ed altri enti locali del territorio per la definizione dell’architettura istituzionale ed i poteri della futura Città metropolitana.
Questa la proposta del presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, illustrata mercoledì 7 luglio al Residence di Ripetta nel corso dell’iniziativa ‘Capitale metropolitana’.
Zingaretti ha proposto la costituzione di una ‘Conferenza metropolitana’ che periodicamente riunisca intorno a un tavolo i rappresentanti delle istituzioni locali per definire in maniera condivisa le linee di azione sulla costituzione, articolazione e perimetro istituzionale del nuovo ente della Città Metropolitana.
Tra gli obiettivi dell’iniziativa, quello di affrontare con un preciso progetto istituzionale l’appuntamento con l’istituzione di Roma Capitale, prevista dalla legge delega sul federalismo fiscale. “Se si sbaglia la cura – ha aggiunto Zingaretti – la malattia peggiora. In un momento di riforma dell’assetto istituzionale della Capitale come questo, non possiamo correre il rischio di un provvedimento che accentui i problemi dell’area metropolitana”. Nel corso del suo intervento, il presidente della Provincia ha spiegato come negli ultimi anni ci sia stata una crescita demografica e immobiliare che ha interessato soprattutto i comuni della prima e della seconda corona metropolitana a cui non è corrisposta un’adeguata crescita di servizi e funzioni.
Per questo, continua Zingaretti, la riforma non può essere ‘romano-centrica’: “Le ipotesi di riforma che concentrano le funzioni su Roma, accentuano le diseguaglianze”. Ovvero: “O Roma Capitale ha la dimensione dell’area metropolitana o si fa una riforma che non affronta i nodi dello sviluppo del territorio. Noi siamo per un processo partecipato” e per questo “dalla prossima settimana inizieremo incontri nei quattro quadranti con tutti i sindaci del territorio”. Nel concreto, la proposta dell’amministrazione provinciale è di far coincidere l’istituzione della Città metropolitana di Roma Capitale alla data di scadenza naturale dei Consigli del Comune e della Provincia di Roma prevista nel 2013.
Ad ascoltare Zingaretti, giovedì mattina c’era una folta platea di imprenditori tra cui Luca e Sandro Parnasi, Pierluigi e Claudio Toti, Bernardino Marronaro, Emiliano Cerasi e Tito Muratori. Presenti anche il presidente della Uir, Aurelio Regina, il presidente uscente della Camera di Commercio di Roma, Andrea Mondello, il presidente della Confcommercio di Roma, Cesare Pambianchi, il direttore della Cna di Roma, Lorenza Tagliavanti, il presidente del Consiglio provinciale, Pina Maturani, e il presidente della commissione provinciale Riforme istituzionali, Piero Cucunato.
Per Regina “il concetto di Area metropolitana è ormai irrinunciabile, ma occorre dargli una governance coerente. Oggi abbiamo un deficit di infrastrutture e servizi che va colmato. A questo scopo è utile l’istituzione del tavolo proposto dal presidente Zingaretti”. Per Tagliavanti, infine, “l’iniziativa di Zingaretti è stata quanto mai opportuna: l’area metropolitana a Roma e nella sua provincia esiste, ed è molto dinamica. Ci vuole però una governance e un progetto di governo dei territori”.