Home Notizie Stadio della Roma

Presentato il progetto del Nuovo Stadio della Roma

SHARE
Roma stadio

Lavori ultimati in 22-24 mesi dall’apertura dei cantieri. Si aspetta l’ok del Campidoglio prima del passaggio in Regione

LA PRESENTAZIONE – È arrivata la presentazione del progetto del Nuovo Stadio della Roma, da edificare in Municipio IX, in zona Tor di Valle, sui terreni appartenuti per decenni allo storico stadio del trotto. La conferenza di presentazione dall’evocativo titolo ‘Rigenerazione urbana Tor di Valle – Stadio della Roma’, si è svolta questa mattina all’Eur all’interno del Salone delle Fontane, dopo la presentazione ufficiale in Campidoglio davanti al Sindaco Marino. “Abbiamo consegnato il progetto. Abbiamo rispettato perfettamente i tempi. Ora bisogna andare avanti e continuare su questa linea“. Ha detto il costruttore, Luca Parnasi, lasciando il Campidoglio dopo l’incontro con il primo cittadino. “È stato un lavoro enorme ma l’importante è che abbiamo rispettato le date prefissate. Il sindaco ci ha detto che abbiamo fatto un lavoro positivo”. 

I TEMPI – Secondo quanto affermato dal Presidente della società giallorossa, James Pallotta, il via l’ibera per l’operazione dovrebbe arrivare in sei mesi, poi per l’edificazione saranno necessari tra i 22 e i 24 mesi dall’apertura dei cantieri. L’iter, dopo questa presentazione, prevede tre settimane durante le quali il Campidoglio verificherà l’attinenza del Progetto con quanto espresso dalla delibera capitolina sulla Stadio, per poi passare la documentazione in Regione. “Ho poca pazienza – ha detto Pallotta – avrei voluto aprire lo stadio una settimana dopo la presentazione del progetto ma si tratta di un progetto costoso e complesso. Un paio di mesi di ritardo non sono un problema. Pensavamo che il Comune fosse più veloce, ma apprezziamo comunque il lavoro fatto e ringraziamo il sindaco per sostegno previsto”.

I COSTI – Nella conferenza c’è stato spazio anche per parlare di costi e di finanziatori. È lo stesso Pallotta a dichiarare: “L’intero progetto supera il miliardo di euro. Con l’approvazione del progetto cominceremo a cercare i finanziamenti. Stiamo lavorando – ha aggiunto – con la Goldman Sachs tutti i giorni e abbiamo tutto il tempo per trovare gli investimenti. L’elenco degli investitori è molto lungo e il Comune di Roma non metterà un euro”. Per quanto riguarda gli introiti dello stadio, una volta che la struttura andrà a regime, saranno “a favore del club aumenteranno e saranno superiori a qualsiasi altro club in Italia. A Roma e in Italia si può investire, voi pensate che la vostra burocrazia sia la peggiore del mondo ma non è così“.

LE PAROLE DEL CAPITANO – Qualche parola sul progetto è stata dedicata anche dal capitano Francesco Totti: “La nostra Roma avrà uno stadio che la rappresenterà nel mondo, come la nostra storia merita. Sarà il nostro Colosseo moderno, dove tutti i nostri tifosi e sportivi potranno godere di uno spettacolo sportivo con strutture all’avanguardia che renderanno la partita il momento di punta di una giornata di sport e di divertimento. Per tutti: in particolare per i bambini, che hanno il diritto di partecipare alle nostre partite nel migliore dei modi. Roma, la nostra città – aggiunge il campione giallorosso – merita di avere uno stadio del genere. Sarà la casa della Roma. Noi tutti siamo e saremo la Roma. La nostra maglia è una seconda pelle, forse anche la prima. La Roma va amata, perché è unica al Mondo. Sempre con la Roma nel cuore”.

LA PROTESTA – Non sono mancate le proteste, con i cittadini del Comitato Difendiamo Tor di Valle dal Cemento che hanno cercato di distribuire dei volantini informativi sulla “devastazione ambientale nell’area di Tor di Valle in cui si smaschera la speculazione edilizia fatta di grattacieli e un milione di metri cubi di nuovo cemento in un’area dichiarata inedificabile dal PRG – seguitano gli attivisti – Operazione che non ha niente a che vedere con lo sport, ma molto con gli interessi economici dei soggetti della cordata”. Il volantinaggio è stato impedito dalle forze dell’ordine presenti: “La polizia presente in forze sproporzionate a difendere i veri poteri forti di Roma ha impedito la distribuzione identificando alcuni membri del Comitato”.

Le Ma