Home Notizie Stadio della Roma

Stadio della Roma: presentato lo studio della Sapienza sulle ricadute positive del progetto

SHARE
Stadio-Roma-5

Occupazione, Pil, Ambiente e mobilità. Questi i settori che otterranno maggiori vantaggi

LO STUDIO – È stato presentato oggi, presso l’Acquario Romano lo Studio di Impatto Economico e Sociale sul progetto Stadio della Roma – Tor di Valle, prodotto dalla Facoltà di Economia dell’Università Sapienza.

DATI A CONFRONTO – Secondo la ricerca in termini di valore aggiunto, l’impatto economico del progetto sulla città di Roma sarà pari a circa due volte e mezzo quello prodotto da EXPO 2015 su Milano e superiore del 68% di quello generato dal Giubileo della Misericordia. L’impatto sulla Regione Lazio sarebbe pari a una volta e mezzo quello prodotto da EXPO per Regione Lombardia.

L’INCREMENTO DEL PIL – I dati della ricerca sono stati riportati anche dalla società giallorossa in una nota: “Secondo la ricerca, l’investimento di circa 1,6 miliardi di euro finanziati interamente dai privati in un arco temporale di sei anni, genererà un significativo incremento del PIL della provincia di Roma, pari a 5,7 miliardi di euro dopo 3 anni (2020), 12,5 miliardi dopo 6 anni (2023) e 18,5 miliardi dopo 9 anni (2026) rispetto a quello che si avrebbe in assenza dell’intervento. L’incremento percentuale stimato sarà quindi di circa l’1,5% nell’arco dei nove anni 2017-2026”.

IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE – A quanto riportato dallo studio dell’Università, l’impatto complessivo degli investimenti previsti dal progetto implicherà una riduzione del tasso di disoccupazione medio dell’area romana di circa un punto percentuale (0,8%). “L’analisi del progetto rileva inoltre che gli occupati direttamente impiegati nell’area saranno pari a circa 5.500 unità. Nel documento della Sapienza si evidenzia infatti che nel periodo di costruzione, i lavoratori nel comparto edilizio ammonteranno a circa 1.500 persone e che, una volta a regime, gli impiegati negli altri comparti saranno 4mila. Inoltre, 15-20mila lavoratori svolgeranno la proprio attività nel Business Park”.

AMBIENTE – Con il progetto inoltre verranno piantumati circa 10mila alberi e la creazione di numerosi spazi verdi in un’area complessiva di 62 ettari, “equivalente a più del 30% della superfice totale interessata”. Interessante anche il rimando al tema della sistemazione idraulica del Fosso di Vallerano: “L’Università Sapienza prevede che, conclusi i lavori di messa in sicurezza delle sponde del Tevere, il rischio si abbasserà da R4 e R3 al livello più basso”.

LA MOBILITÀ – Investimenti anche sul fronte della mobilità privata, con 179mioni di euro e ci 211 milioni destinati alla mobilità sostenibile. “L’investimento totale per le infrastruttura pubbliche ammonterà a circa 440 milioni di euro. Lo Studio stima che dopo questi interventi il 50% del flusso legato agli eventi usufruirà del trasporto pubblico, decongestionando sensibilmente il quadrante sud della città”.

LeMa