Mar09022014

Last updateLun, 01 Set 2014 5pm

Back Sei qui: Home Notizie Regione Lazio MENO FRUTTA E VERDURA SULLE TAVOLE DEGLI ITALIANI

MENO FRUTTA E VERDURA SULLE TAVOLE DEGLI ITALIANI

Image
Nel 2008 si registra il calo del consumo interno e l'aumento dell'export dell'ortofrutta Made in Italy
Cresce in Italia del 3,2% la spesa totale per frutta e verdura fresca mentre cala del 3% il consumo medio di ortofrutta,

che passa da 261 a 253 chilogrammi per nucleo familiare. Fra i canali di acquisto, i discount raggiungono ora il 6,1% del totale, a fronte del 5,4% riferito al 2007. Questo è quanto emerge da uno studio condotto dall?Osservatorio dei Consumi Ortofrutticoli delle famiglie italiane, che sono stati resi noti alla recente presentazione della ventiseiesima edizione di Macfrut di Cesena, il più importante evento fieristico dell?Europa mediterranea dedicato all?intera filiera ortofrutticola.
Sempre secondo lo studio condotto dall'Osservatorio, nei primi 7 mesi del 2008 l'interscambio con l'estero ha fatto registrare un saldo attivo di 532,7 milioni, contro i 351,3 dell'analogo periodo dell'anno precedente. Da gennaio a luglio 2008, infatti, l'Italia ha spedito oltre confine oltre 2 milioni di tonnellate  di prodotti ortofrutticoli (di questi, più di metà di sola frutta fresca), realizzando un fatturato totale di quasi 2 miliardi di euro, cifra superiore del 16,9% allo stesso periodo dell'anno precedente; sempre nello stesso lasso di tempo le importazioni sono state pari a 1,4 miliardi di euro. Nel particolare è da sottolineare il buon risultato fatto registrare dagli agrumi (+63,7% in valore): ottima performance che arriva dopo anni di stasi attenuati soltanto dai risultati eccezionali costantemente realizzati dall'esportazione del kiwi, ancora oggi il prodotto frutticolo nazionale più richiesto all'estero. In totale l'Italia produce circa 24 milioni di tonnellate di frutta, ortaggi ed agrumi freschi, per un fatturato - compreso l'indotto - che sfiora i 23 miliardi di euro.
Nella valutazione dei dati sulla contrazione dei consumi degli italiani, e allo stesso tempo sul buon andamento delle esportazioni, va considerata senza ombra di dubbio la crescente crisi economica che investe il nostro paese. Di fronte al calo della redditività delle imprese l?Italia volge lo sguardo all?estero e tenta di intercettare la crescente domanda di prodotti primari in altre aree. Che questa sia la strada giusta da percorrere lo ha sostenuto il presidente dell?ICE, Umberto Vattani, il quale durante la presentazione di Macfrut ha affermato come ?l?incremento delle esportazioni e le nuove politiche di internazionalizzazione, quali missioni e joint venture, sono le strade da percorrere per promuovere il Made in Italy nel mondo e contenere in questo modo gli effetti devastanti che la crisi dei consumi sta producendo nella nostra economia?.

Alessandra De Luca


Aggiungi commento