Home Notizie Città Metropolitana

Cotral: parte la campagna contro gli atti vandalici sui bus di linea

Il costo per l’azienda è di due milioni di euro l’anno, il costo di circa 10 nuovi bus

SHARE

TRASPORTO PUBBLICO – Contro gli atti vandalici perpetrati ai danni dei bus di linea, la Cotral ha lanciato la campagna “Quanto di costano i vandali sui bus”.  Intento è quello di far comprendere il nesso tra l’atto vandalico e il costo del ripristino del mezzo, che comunque ricade su tutti noi.

I COSTI – Un sedile? Duecentocinquanta euro. Un poggiatesta? Cinquanta euro. Un vetro? Oltre mille euro. Ripulire una scritta? Trentacinque euro. Sono questi alcuni dei costi che verranno resi noti sotto l’hashtag #sonosoldituoi. L’obiettivo, spiega l’azienda, è quello “di insegnare ai ragazzi quanto costa riparare un bus dopo un atto vandalico. Una delle azioni messe in campo per contrastare un fenomeno che nei casi più estremi mette a rischio l’incolumità di conducenti, passeggeri e automobilisti e che costa all’azienda quasi due milioni di euro ogni anno”. Soldi questi che basterebbero per acquistare dieci nuovi autobus e che invece devono essere impiegati in questo tipo di interventi di manutenzione.

LA CAMPAGNA – La campagna di comunicazione si articolerà sui canali social aziendali (Twitter e Instagram) con il tag #sonosoldituoi e vedrà protagonisti i pullman che saranno interamente decorati come degli scuolabus, con il messaggio “Gli atti vandalici costano tempo e denaro.” La campagna sarà pianificata sul web e si rivolge ad un target di giovani e studenti per rendere evidente che l’atto vandalico è un gesto infantile con un costo alto per la collettività, che può avere conseguenze estremamente negative.