Home Notizie Regione

Giubileo: la Regione si prepara all’appuntamento

SHARE
regione-laziorepertorio

Sanità e trasporti, questi gli obiettivi della Pisana

IL VERTICE CON LA SANTA SEDE – Con l’avvicinarsi del Giubileo Straordinario (all’apertura della Porta Santa mancano poco più di sessanta giorni) proseguono gli incontri della cabina di regia per preparare la Capitale all’evento. Ieri nella sede del Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, in via della Conciliazione, ha preso il via la riunione della commissione bilaterale Italia-Santa Sede sul tema del Giubileo. Tra i presenti all’incontro il presidente del Pontificio consiglio monsignor Rino Fisichella, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, il sindaco di Roma Ignazio Marino, il vicesindaco Marco Causi, l’assessore ai Lavori Pubblici Maurizio Pucci, il prefetto di Roma Franco Gabrielli e il vicepresidente della Regione Lazio Massimiliano Smeriglio.

LE COMPETENZE – Preparare una città come Roma a questo evento non è certamente cosa facile, soprattutto con il clima di che si respira in Aula Giulio Cesare. La regia messa in piedi per organizzare gli interventi continua a procedere, con il coordinamento di Franco Gabrielli sono state divise le differenti competenze degli enti coinvolti. Da un lato la Prefettura, impegnata al mantenimento della sicurezza e dell’ordine pubblico, poi il Comune, la cui attività deve puntare a rendere la città accessibile, e infine la Regione Lazio, cui principale occupazione principale sarà quella di assicurare il buon funzionamento della sanità laziale.

SANITÀ – A parlare del lavoro portato avanti dalla Regione Lazio è il vicepresidente Massimiliano Smeriglio, che sottolinea il rispetto del cronoprogramma “In particolare, proseguono i lavori di ammodernamento dei 12 pronto soccorso, l’acquisto di nuove ambulanze e le circa 800 assunzioni tra pronto soccorso e Ares 118, oltre all’individuazione delle 32 nuove aree di elisoccorso tra cui la caserma Macao e la Cecchignola, in accordo con il Ministero della Difesa. Dello stesso passo si procede con l’istituzione del numero unico per le emergenze 112”.

TRASPORTI – Altra componente del lavoro della Regione in vista dell’apertura della Porta Santa è quello di assicurare la mobilità all’interno della regione: “Sul fronte trasporti va avanti la gara per l’acquisto dei primi 100 autobus per Cotral. Infine – aggiunge Smeriglio – abbiamo illustrato le novità riguardanti i lavori in corso sulla via Francigena, in particolare per quanto riguarda l’ingresso a Roma e sulla fruizione dei cammini spirituali, oltre all’apertura dell’ostello nel complesso del santa Maria della Pietà”.

LeMa