Home Notizie Regione

La Regione contro la violenza sulle donne

SHARE
violenzadonneregioneRID

Raddoppia il numero delle strutture per il contrasto alla violenza sulle donne nel Lazio

LE STRUTTURE – Alle 19 già operative (tra centri antiviolenza, case rifugio e case per la semi autonomia), nel 2015 se ne aggiungeranno altre 19 per un totale di 58 strutture che andranno a coprire tutte e cinque le province. È questo l’impegno della Regione Lazio, contenuto nella delibera approvata oggi in giunta e presentata presso l’Accademia l’Oreal di Piazza Mignanelli, proprio in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. 

L’IMPEGNO – Ad illustrare i contenuti della delibera, il governatore del Lazio Nicola Zingaretti, l’assessore alle Politiche Sociali Rita Visini, il consigliere Marta Bonafoni e il consigliere Eugenio Patanè, presidente della Commissione Cultura della Pisana, che ha affrontato la discussione della legge 4/2014 per il contrasto alla violenza sulle donne, approvata lo scorso marzo in Consiglio, il cui primo firmatario è un uomo: il consigliere regionale Simone Lupi. “In passato il Lazio investiva 200 mila euro contro la violenza sulle donne, adesso investe 4 milioni di euro – ha spiegato il Presidente Zingaretti – Abbiamo approvato la legge per prevenire le violenze e stiamo raddoppiando i centri di ascolto e sostegno alle donne. Questo è il modo più corretto per impegnarsi, non solo oggi: non fare promesse ma rispettare gli impegni – seguita su Facebook Zingaretti – Al dolore della violenza fisica non si può aggiungere anche la violenza della solitudine, per questo, per essere più vicini alle donne, apriamo 13 nuovi centri antiviolenza, 5 nuove case rifugio, per sostenere le donne che si trovano in pericolo di vita, e anche una nuova casa per la semi-autonomia, per le donne che stanno raggiungendo l’autonomia economica e lavorativa. Non abbassiamo la guardia, stiamo attivando le reti territoriali antiviolenza in tutto il Lazio”. 

I FONDI – Lo stanziamento complessivo della delibera approvata dalla Giunta regionale, fa sapere Omniroma, ammonta a quasi 4 milioni di euro: 2 milioni provengono dal bilancio regionale e 1,9 milioni dal riparto del Fondo per le politiche dei diritti e delle pari opportunità. Intanto in Campidoglio le consigliere, in attesa dell’apertura della seduta dedicata all’assestamento di bilancio, si sono riunite e hanno scattato un selfie per testimoniare l’impegno nella battaglia contro la violenza sulle donne.