Home Rubriche Go Green

Legambiente presenta Pendolaria 2016, il rapporto sul trasporto pendolare in Italia

Visti gli investimenti sulla Metro la Capitale dovrà aspettare ottant’anni per eguagliare le altre capitali europee

SHARE

È stato presentato ieri il Rapporto Pendolaria 2016 di Legambiente, che fotografa la situazione e gli scenari del trasporto pendolare ferroviario in Italia, che ogni giorno interessa 5,5 milioni di persone tra metropolitane e treni regionali.

IL RAPPORTO – Il rapporto di quest’anno delinea uno scenario inquietante dove, a fronte della diminuzione degli investimenti, crescono in maniera evidente le diseguaglianze tra le Regioni rispetto al numero di viaggiatori e alle condizioni del servizio offerto. Dalle Regioni in quest’ultimo anno sono arrivati pochissimi investimenti per il potenziamento dei servizi. In media, leggiamo dal rapporto, la spesa per i pendolari non arriva allo 0,29% dei bilanci delle Regioni, ma nel Lazio, in Sicilia, Veneto, Puglia siamo sotto questa cifra.

LA CAPITALE – Le situazioni e le tratte maggiormente colpite da disagi per i pendolari italiani sono nel Sud, ma gli esempi non mancano in tutte le regioni. In particolare nella Capitale il 2016 non ha visto realizzare alcun tratto di metro o linee di tram e al momento, come ricordano da Legambiente, l’unico progetto finanziato riguarda il prolungamento (3,6 chilometri) della metro C fino a Colosseo. “Se consideriamo i cantieri in corso della metro – si legge nel comunicato dell’associazione – a Roma si dovranno attendere 80 anni per recuperare la distanza dalle altre città europee”, questo in termini di metropolitane ogni 1.000 abitanti.

DA LEGAMBIENTE – “Dobbiamo puntare a raddoppiare i pendolari che prendono treni regionali e metropolitani ogni giorno – ha dichiarato Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente – Arrivare a 10 milioni di persone al 2030 è una sfida alla portata del nostro Paese e nell’interesse dei suoi cittadini, con vantaggi non solo in termini ambientali, ma di attrattività delle nostre città e dei territori, con ricadute positive sull’occupazione e sul turismo”.