Home Notizie Regione

Sfratti, potrebbe arrivare la moratoria

SHARE

I Movimenti di lotta per la casa incontrano i vertici Regionali

LA PROTESTA – Dopo le occupazioni e le agitazioni dei giorni scorsi, questa mattina i Movimenti hanno continuato la loro protesta sotto l’assessorato regionale per la casa. Le richieste dei manifestanti riguardano in primis l’utilizzo degli immobili sfitti per far fronte all’emergenza abitativa e, in secondo luogo, una moratoria sugli sfratti nella Capitale, anche in relazione alla particolare situazione di crisi economica che stiamo vivendo. 

LA REPLICA – arriva dalla Regione, dove fanno sapere che: “il presidente Nicola Zingaretti ha telefonato questa mattina al Prefetto di Roma per chiedergli una moratoria sugli sfratti nella Capitale. Con questo provvedimento, insieme ad altri che la Regione sta predisponendo, verrà affrontato in maniera risoluta il problema dell’emergenza abitativa che in questi anni sta dilaniando il tessuto sociale romano, e con esso anche la questione delle occupazioni abusive delle case sfitte, una metodologia di lotta sociale che la Regione Lazio condanna fermamente perché fuori dalla legalità”.

UN SEGNALE IMPORTANTE – secondo il consigliere Pd all’assemblea regionale, Eugenio Patanè, che vede in questo tipo di iniziative la giusta strada da seguire: “La richiesta al prefetto di una moratoria sugli sfratti annunciata dal presidente Zingaretti, e l’intenzione di inserire da subito in Bilancio un capitolo che riguardi gli interventi straordinari per l’emergenza abitativa, come proposto questa mattina durante l’incontro con i movimenti dall’assessore Refrigeri, sono due segnali importanti di come la Regione Lazio voglia farsi carico di questa questione, rimanendo al fianco delle famiglie messe in ginocchio dalla crisi economica”. Anche dal primo cittadino arriva il plauso per la proposta, pur sottolineandone la paternità: “È una richiesta che noi abbiamo già fatto varie volte e quindi ci associamo assolutamente perchè ci possa essere una moratoria rispetto agli sfratti – seguita il Sindaco Alemanno – C’è una situazione di grande disagio economico e abitativo e c’è tutta la questione aperta degli enti privatizzati che rischiano di mettere per strada tanta gente se non vengono fermati da un’apposita legge”. 

Leonardo Mancini