Home Notizie World in Rome

Oggi la giornata per i diritti dell’infanzia

SHARE
infanzia

Si celebra oggi la giornata mondiale dedicata ai più piccoli

 

DA DOVE NASCE – La Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza si celebra ogni anno il 20 novembre e celebra la data in cui la Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia venne approvata a New York, nel 1989, dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Tale convenzione, oggi, è stata assunta da ben 193 paesi, impegnato nella tutela dei diritti dei più piccoli.

A ROMA – Tante le iniziative in tutto il territorio nazionale e anche nella Capitale. “I figli nel conflitto” è il tema del convegno organizzato da Roma Solidale e dall’assessorato al Sostegno Sociale, in occasione della giornata internazionale dei diritti dell’infanzia.“C’è bisogno di ascoltare e di ascoltarsi”, ha detto l’assessore Cutini intervenendo, ”magari con spazi di incontro nel territorio, promuovendo una genitorialità responsabile. Quotidianamente i centri per la famiglia dell’amministrazione comunale presenti capillarmente nel territorio sono impegnati nell’offrire un valido sostegno alle famiglie”. In Italia come dice la recente indagine del Coordinamento italiano dei Servizi Contro l’Abuso dell’ Infanzia in collaborazione con Terres des Hommes sono circa 100 mila i bambini presi in carico dai Servizi sociali ogni anno dopo i maltrattamenti e gli abusi subiti. “Roma in questi anni ha compiuto progressi sul piano degli interventi realizzati ma quanto fatto non è ancora sufficiente. Va colta ogni occasione utile come questa giornata dedicata ai diritti dell’infanzia per parlare pubblicamente della protezione reale che dovremmo estendere a tutti i minori che vivono nel nostro territorio” ha concluso la Cutini.

PACE SOCIALE – Oggi sono stati consegnati gli attestati di Cittadinanza Municipale a bambine e bambini nati in Italia da genitori immigrati e residenti nel Municipio I. “Sono molto contenta di partecipare a iniziative come questa per vari motivi – ha dichiarato Valeria Baglio, Presidente della Commissione Scuola di Roma Capitale – In primo luogo, per i piccoli cittadini la scuola è il primo luogo di socializzazione con cui confrontarsi per crescere. Tutte le attività volte all’integrazione e svolte in ambito scolastico sono importanti, perché inevitabilmente coinvolgono anche le famiglie in una pacifica prospettiva multiculturale. Quindi, sono favorevole a tutte le manifestazioni, anche solo simboliche come quella di oggi, che vadano a riconoscere il diritto alla cittadinanza a quei minori che sono, nella realtà concreta, italiani a tutti gli effetti. A Roma ne abbiamo tanti che parlano in romano e si sentono parte della città, come tutti gli altri” . Al termine dell’iniziativa organizzata dal I Municipio, così dichiara la presidente della Commissione capitolina Scuola, Valeria Baglio, che conclude dicendo: ”Spero che eventi e dibattiti sollecitino il nostro governo a legiferare in tal senso e in tempi brevi, per dare il suggello ufficiale a tanti nuovi cittadini italiani e chiarirne la posizione. Si tratta di una battaglia di civiltà fondamentale per poter ufficializzare un’integrazione importante per i singoli e per la pace sociale, soprattutto in questo difficile momento cittadino.”

Serena Savelli