Home Notizie World in Rome

Giubileo: la questura presenta il Piano sicurezza

SHARE
polizia-stazione-termini

2000 uomini in più in strada e sui mezzi pubblici. Attenzionato lo Stadio e le grandi manifestazioni

2000 UOMINI IN PIÙ NELLA CAPITALE – Si parte da lunedì con lo schieramento di oltre duemila uomini nelle zone più sensibili della Capitale. È la Questura di Roma a presentare il piano sulla sicurezza, stilato in occasione del Giubileo. Con questo dispiegamento eccezionale si punta ad incrementare il pattugliamento delle strade e il controllo sui mezzi pubblici. Oltre ad una particolare attenzione che verrà riservata ai luoghi della movida e allo Stadio Olimpico. Misure queste che fanno da contraltare alle paure generate nei cittadini dopo i fatti di Parigi. 

LA PERCEZIONE DELLA SICUREZZA – È Omniroma a riportare le parole del Questore Nicololò D’Angelo: “Abbiamo competenza e preparazione per affrontare il Giubileo. La percezione della sicurezza è un bene comune che i cittadini devono percepire”. Il Questore prosegue parlando di ‘sfida’ e di ‘evento mondiale’, “che si vince con gioco di squadra da parte di tutti noi. Il piano – ha spiegato – impegnerà oltre duemila uomini ed entrerà in funzione da lunedì. Quindi quindici giorni prima dell’apertura della Porta Santa così da avere il tempo per eventuali cambiamenti. Durerà per tutto l’anno. È stato disposto nell’ambito del piano del Giubileo un incremento del pattugliamento a partire delle aree periferiche”.

B&B ABUSIVI E STADIO OSSERVATI SPECIALI – Sempre dal Questore arriva la notizia di una maggiore attenzione sulle attività recettive della Capitale. Soprattutto per quanto riguarda B&B ed affittacamere che, come spiegato da D’Angelo, in molti casi risultano assolutamente abusivi. Sullo Stadio e sui controlli si punta ad un maggiore impiego di strumenti tecnologici: “Lo stadio è un potenziale pericolo e il controllo non ne è facile. Siamo tra i pochi a fare i non graditi controlli prefiltraggio – ha proseguito il Questore – Occorre stringere maggiormente controlli. Saremo più rigidi ed useremo strumenti elettronici”. Questo piano, che comunque resterà in vigore per tutto l’Anno Santo, potrà essere affiancato da ordinanze speciali in occasioni di particolari eventi di massa. Fra questi, durante la riunione in Questura, sarebbero stati citati l’esposizione del corpo di Padre Pio e la Santificazione di Madre Teresa di Calcutta.

I FALSI ALLARMI NELLA CAPITALE – Ma intanto sulla scorta degli attacchi di Parigi in città continuano i falsi allarmi. Dopo la chiusura di ben sei stazioni della Metropolitana nella giornata di ieri, anche oggi si è tornati a chiudere la Linea A per un allarme bomba. Attorno alle sette di questa mattina il servizio di vigilanza avrebbe infatti allertato gli uomini della Polizia di Stato della presenza di un pacco ricoperto di alluminio nei pressi della porta dei una stanza di servizio del personale delle pulizie, risultato poi innocuo.

LeMa