Home Notizie World in Rome

Gli studenti romani nei luoghi della Shoah

SHARE
auschwitz 4 rid d0

Si rinnova l’appuntamento con il Viaggio della Memoria per 144 studenti romani

IL VIAGGIO – Si rinnova anche quest’anno l’appuntamento degli studenti romani in visita ai campi di sterminio di Auschwitz-Birkenau e al quartiere ebraico di Cracovia. Ancora una volta un viaggio della memoria per non dimenticare la barbarie della persecuzione nazista. Il viaggio si è concluso ieri dopo tre intensissimi giorni per 144 studenti di 24 scuole superiori della Capitale, acompagnati dal Sindaco Ignazio Marino, dall’Assessore alla Scuola Alessandra Cattoi, dal presidente della Comunità Ebraica di Roma Riccardo Pacifici e da Sami Modiano, sopravvissuto ad Auschwitz, tra gli ultimi testimoni diretti dell’Olocausto.

LA MEMORIA – L’obiettivo di questo viaggio, come sottolinea l’Assessorato alla Scuola, è quello di “far sì che i giovani partecipanti divengano essi stessi testimoni dell’orrore della Shoah, per poterne trasmettere la memoria nel presente e nel futuro”. Un approccio forte e diretto, per “tenere viva la memoria storica tra le giovani generazioni, promuovendo i valori della democrazia e dell’integrazione insieme al rifiuto della violenza e di ogni forma di prevaricazione”.

UN IMPEGNO ATTUALE – I Viaggi della Memoria, promossi e organizzati dal Campidoglio, sono parte di un progetto più ampio dell’Assessorato alla Scuola, Roma ricorda: occupazione e deportazione, resistenza e liberazione, che coinvolge quest’anno circa 1500 studenti. “Il percorso della memoria va avanti – hanno commentato il sindaco Marino e l’assessore Alessandra Cattoi prima della partenza – Proprio fatti recenti, come la commemorazione di un aguzzino, indicano quanto sia importante mantenere viva la memoria nei nostri ragazzi; perché ciò che è accaduto non accada mai più”.