Home Notizie World in Rome

Roma: 700 militari a presidio della città

SHARE
sicurezza-roma-3repertorio

Dopo gli attacchi di Parigi attenzione alle stelle in vista del Giubileo

MONUMENTI OSSERVATI SPECIALI – Sono alte le misure di sicurezza nella Capitale dopo gli attacchi di Parigi e a poco meno di un mese dall’inizio del Giubileo straordinario. Presidi delle Forze dell’Ordine restano in bella vista al Colosseo, al Pantheon e a Piazza Navona, ma sicuramente saranno molti di più gli uomini che in queste ore stanno tenendo sotto controllo le strade della capitale. “Non abbiamo allarmi specifici su Roma ma teniamo alto il livello di vigilanza”, è questa la posizione ufficiale tenuta dal Ministro Angelino Alfano

IL GIUBILEO STRAORDINARIO – Immediatamente dopo gli attacchi si sono susseguite le voci che proponevano l’annullamento del Giubileo, possibilità paventata ma subito allontanata dal Governo e dal Vaticano. “Il Giubileo costituisce un fattore di aumento del rischio. Rinunciarvi però sarebbe gravissimo. Sarebbe rinuncia alla nostra libertà e fare il gioco dei terroristi. Così il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Franco Roberti a ‘In mezz’ora’ su Rai 3. “Non dobbiamo spaventarci – ha aggiunto – ma continuare a vivere la nostra vita difendendo i nostri valori, sapendo che c’è un rischio”.

MAGGIORI CONTROLLI NEGLI AEROPORTI – Anche negli aeroporti italiani resta alta l’attenzione, con l’Enac (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) che spiega come “oltre all’innalzamento delle misure di sicurezza in tutti gli aeroporti nazionali, l’Enac ha disposto da oggi un incremento delle proprie attività di vigilanza negli scali. L’Ente, infatti, ha dato indicazioni ai Direttori Aeroportuali affinché aumentino le attività di vigilanza e controllo effettuate attraverso i propri ispettori aeroportuali, addetti alle verifiche sull’applicazione delle misure di security da parte delle società incaricate”.

LeMa

(Foto repertorio)