Home Parola ai lettori

Garbatella: Cortili devastati e alberature pericolanti

SHARE
lotto60 2

La segnalazione di un nostro lettore sullo stato di un lotto Ater di Garbatella

Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione inviataci da un nostro lettore sulle condizioni in cui versa un Lotto della Garbatella. 

Continuate ad inviarci le vostre segnalazioni a lettori@urloweb.com

“Voglio segnalare le condizioni in cui versa il lotto 60 della Garbatella – tra via Rocco da Cesinale e via Ignazio Persico Ndr – I nostri palazzi sono stati costruiti negli anni cinquanta, ma hanno lo stesso stile dei lotti più vecchi della zona. Sono stati costruiti in modi e con materiali diversi, purtroppo meno durevoli. Proprio per questo le condizioni esterne sono peggiori rispetto a lotti più anziani, con intere porzioni di intonaco mancanti o in procinto di staccarsi”.

Per il nostro lettore sono principalmente due le criticità più rilevanti all’interno del lotto, la prima riguarda le radici degli alberi che stanno distruggendo il mattonato delle aree comuni, me tre la seconda sono le pessime condizioni delle alberature.

“Le radici degli alberi pian piano si sono fatte strada sollevando le mattonelle dei cortili e dei passaggi interni al lotto. I passaggi disconnessi – seguita il nostro lettore nella sua segnalazione – rendono difficile camminare, soprattutto per le persone più anziane o con difficoltà. Inoltre si è formato uno strato di muschio e la condensa dei climatizzatori installati ha contribuito ad aumentare la scivolosità”.

Poi si passa al problema delle alberature: “Il nostro pino più alto è inclinato verso le palazzine – racconta il cittadino – Anni fa venne mal-puntellato e oggi si trova in una situazione di grande pericolosità per le persone e per le cose”.
In chiusura la poca attenzione riservata alle richieste dei condomini: “Da tempo noi residenti nel palazzo inviamo richieste all’Ater per mettere mano al palazzo, ma a parte qualche piccolissimo intervento, nemmeno portato a termine a dovere, non abbiamo avuto risposta”.