Home Parola ai lettori

Montagnola: i residenti continuano a segnalare il degrado

SHARE
montarom3

Un elenco di disservizi e criticità indirizzato a giornali e Istituzioni

LA SEGNALAZIONE – Continuano le segnalazioni che i cittadini della Montagnola stanno inviando alle Istituzioni e ai giornali. Tra i destinatari delle e-mail, oltre ad Urloweb e ilMessaggero, anche gli uffici di presidenza dei municipio VIII e IX, il Gabinetto del Sindaco, la Polizia di Roma Capitale, i PICS e l’ACEA.

IL TESTO DELLA MAIL – Un vero e proprio elenco di disservizi e criticità: “Buonasera, come in oggetto, vorrei segnalare i seguenti disagi che nel quartiere aumentano di giorno in giorno: La situazione nomadi, che tutto il giorno rovistano nei secchioni, alcune volte svuotandone i contenuti sulla strada; il mercatino abusivo di Via Baldassare Castiglione, che, nonostante gli sgomberi, si rigenera 20 minuti dopo che l’ultima volante ha abbandonato la strada; i molti furgoni che stanziano su via Laurentina (in un tratto dove non sarebbe neanche possibile sostare) dopo il supermercato (civico 84) tutti con targa straniera, pieni di materiale di scarto – e ancora – Il deposito di oggetti metallici e materassi all’incrocio Laurentina/Colombo che dopo essere stato bonificato non è stato messo in sicurezza; la situazione di via Spedalieri, ormai proprietà di alcuni individui che vivono nelle auto, fanno i bisogni nel parchetto pubblico e si lavano alla fontanella; il dosso sulla Laurentina (creato da una radice), altezza civico 155, che è stato transennato a luglio, impedendo alle auto di transitare per un tratto sulla carreggiata”.

GLI SGOMBERI – Le segnalazioni non mancano nemmeno in riferimento agli sgomberi effettuati nell’area nei mesi scorsi: “Dopo lo sgombero del 30/07/2014 del campo su Via Laurentina, dopo il civico 84, è rimasta ancora una montagna di rifiuti, non bonificata, che ha generato una proliferazione di ratti – ma anche – la situazione del ponte pedonale del viadotto Tintoretto. È possibile che siano state tolte/rubate tutte le illuminazioni del ponte, rendendolo completamente buio di notte e nessuno abbia pensato ad integrare la situazione con un nuovo sistema d’illuminazione meno appetibile per i ladri?”.