Home Parola ai lettori

‘Terra dei fuochi’ alla Magliana

SHARE
fuochimagliana

Riceviamo una segnalazione da parte di un cittadino di Magliana

Buongiorno, leggo spesso il vostro autorevole e interessante giornale che tratta, purtroppo, le realtà della nostra città che sta andando alla deriva. Vi scrivo per segnalarvi che oltre alla ‘terra dei fuochi’ in Campania c’è anche la ‘terra dei fuochi Rom’ a Roma. Nel mio quartiere abbiamo fatto di tutto ma da quando c’è Marino la situazione è precipitata nel caos più totale. A 50 metri dalla discarica/baraccopoli Rom ci sono una scuola materna, un asilo nido, un centro anziani e un centro sportivo oltre ad abitazioni private che subiscono tutti i giorni, tutto il giorno, vere e proprie tempeste di fumo alla diossina. Sono stati avvertiti i vigili che girano la palla al prefetto che gira la palla all’arpa, che la rigira ai vigili, che la girano ai politici. Intanto noi e i nostri figli ci ammaliamo perchè la diossina è lenta e inarrestabile, si attacca alle cellule del fegato provocando danni a lungo termine. Sulla ciclabile all’altezza del ponte della Magliana c’è un insediamento dove smontano di tutto per poi bruciare la gomma che riveste il rame, gli scarti vengono poi abbandonati nei pressi della pista o gettati nel Tevere. Ieri era una domenica ecologica ma, nel campo, i fuochi non hanno cessato di bruciare di tutto. Fate qualcosa prima che succeda il peggio, la popolazione è esasperata da questa gente che, forte del fatto che nessuno gli può fare niente, sta diventando anche aggressiva con chi cerca di arginare i danni. Allego le foto scattate ieri sera, quella che si vede non è nebbia ma fumo denso e acre prodotto dai fuochi, contate che qui siamo a circa 400 metri pensate le scuole che sono a 50 metri.

Grazie

R. P.