Home psicologicaMENTE

La dipendenza da smartphone esiste?

SHARE
dipendenza cellulare

Come si affronta la dipendenza del nuovo millennio?

Gentile dottoressa,
sono Giulio e ho 38 anni. Penso di essere dipendente dal mio smartphone e dai social, in effetti non riesco a passare più di dieci minuti senza consultarlo, accedendo alla mail, WhatsApp o Facebook. Mi ricordo qualche anno fa che il cellulare lo dimenticavo addirittura a casa e non ero ossessionato dal dover condividere idee, riflessioni, fotografie con tutti i miei contatti e che se volevo sapere cosa succedeva a una persona la chiamavo. Mi piacerebbe tornare indietro, recuperare la mia libertà e il mio spazio e tempo e reimparare a stare anche da solo, cosa che peso di aver dimenticato. È possibile?

*****

Caro Giulio,
grazie della tua e-mail, perché mi dai l’occasione di parlare di un argomento di una forte rilevanza sociale.
La dipendenza da smartphone e dai social sta diventando una problematica sempre più comune e sta apportando grandi cambiamenti nell’approccio alla vita e alle relazioni. Ci sono dei sintomi ben precisi che caratterizzano questa forma di nuova dipendenza:

  1. Passare molte ore della giornata in attività legate al cellulare come giochi, chat, messaggi, telefonate, aggiornare lo status, pubblicare foto, ricercare informazioni su internet, ecc.;
  2. Sviluppare un legame così forte con il cellulare, tale da non separarsene quasi mai;
  3. Manifestare sintomi d’ansia circa la durata della batteria o a fronte di un mal funzionamento;
  4. Utilizzare il cellulare come modalità principale per entrare in contatto con gli altri, gestendo attraverso questo sia rapporti di amicizia che sentimentali;
  5. Utilizzare i social come unico modo per parlare di se e della propria vita, manifestando un forte interessamento all’opinione e all’apprezzamento degli altri manifestati nella stessa modalità;
  6. Tenere il telefono acceso il giorno e la notte e, se in modalità silenziosa, controllarlo continuamente per vedere se ci sono notifiche risvegliandosi anche frequentemente.

Se ti capita di mettere in atto uno o più dei punti precedenti e vuoi riconquistare la tua libertà, disintossicandoti dall’utilizzo del cellulare puoi seguire i miei consigli:

  1. Poniti dei limiti, come ad esempio non accendere lo smartphone prima di colazione o decidi di spegnerlo durante i pasti.
  2. Disattiva le notifiche push che sono necessarie per ricevere gli aggiornamenti dalle app: nuovi post e messaggi privati su Facebook, quadri sbloccati nei giochi, messaggi di posta elettronica in arrivo e così via. Tutte le novità sui tuoi social le puoi tranquillamente visualizzare dal pc o in un momento dedicato della giornata;
  3. Concentra l’attività sul telefono in occasioni stabilite. Attiva la modalità aereo e definisci a priori l’orario in cui poter fare il tuo check sul cellulare.

Così facendo imparerai di nuovo a essere concentrato nelle tue attività senza distrarti e comincerai a sentire nuovamente la piacevolezza di una chiacchiera in presenza guardando negli occhi il tuo interlocutore.

Buon ritorno alla vita reale!

Dott.ssa Valentina Desideri

Leggi tutti gli articoli della Rubrica PsicologicaMente