Home Rubriche City Tips

Commissione di massimo scoperto: le banche violano la legge con nuove e piu’ costose commissioni

SHARE
banca

Adiconsum, Adoc  e Lega Consumatori chiedono l’intervento del Parlamento
Ai consumatori: presentare ricorso all’Arbitro Bancario Finanziario
Se sarà necessario, Adiconsum Adoc e Lega Consumatori promuoveranno cause collettive contro le singole banche
Obiettivo:
la restituzione delle commissioni arbitrarie incassate dalle banche

La legge ha regolamentato le commissioni di massimo scoperto caricate dalle banche sulle imprese e sui cittadini quando vanno in “rosso”.
Ancora una  volta, come era già successo con i mutui, ad una legge del Parlamento le banche hanno risposto violando i vincoli con nuove e più costose commissioni.
Commissioni più costose, come documentato dalla ricerca Antitrust (anche fino a 15 volte!), per i piccoli sconfinamenti.

Chi è interessato all’iniziativa?
Tutte le imprese che operano con uno scoperto di conto o che superano lo scoperto autorizzato, ma anche tutte quelle famiglie che occasionalmente vanno in “rosso”.
È proprio in questi casi che scattano le nuove pesanti commissioni stabilite in modo unilaterale dalle banche al di fuori della normativa contrattuale.

Cosa chiediamo?
·       Alle banche: la restituzione delle commissioni arbitrariamente incassate dal luglio 2009
·       Al Parlamento: l’approvazione di un emendamento che elimini la doppia commissione applicata dalle banche

Perché Adiconsum, Adoc e Lega Consumatori, ritengono non solo ingiustificato, ma arbitrario il comportamento delle banche?
1.    Perché le nuove commissioni non esistono nel contratto
2.    Perché il Testo Unico Bancario (TUB) impedisce l’introduzione unilaterale di nuove commissioni
3.    Perché le banche hanno introdotto una doppia commissione raggirando la legge

Appello ai consumatori
I consumatori e le imprese che hanno visto aumentati i propri costi bancari a causa dell’introduzione di nuove commissioni bancarie sullo scoperto di conto devono:
·       presentare un reclamo alla propria banca e chiedere la restituzione di quanto già pagato e la non applicazione in futuro di commissioni non previste dal contratto
·       in caso di risposta negativa o di mancata risposta, presentare reclamo all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF)
·       inviare il reclamo anche all’Antitrust e alle Associazioni Consumatori Adiconsum, Adoc e Lega Consumatori.

Le Associazioni Consumatori hanno istituito un Osservatorio sulle condizioni applicate dalle banche.