Home Rubriche City Tips

FIDA, per conoscere e prevenire i disturbi alimentari

SHARE

Giovedì 19 aprile, alle ore 17.30, si terrà una conferenza stampa di presentazione della Federazione Italiana Disturbi Alimentari, FIDA.
La Federazione riunisce associazioni costituite da psicoterapeuti e altri esperti con lunga esperienza nell’ambito della prevenzione e della cura dei disturbi del comportamento alimentare (DCA). Nella stessa occasione si inaugurano la sede e l’attività dell’Associazione DAI (Disturbi alimentari in Istituzione), riferimento romano della Federazione. La presentazione è affidata alla psicoanalista Flaminia Cordeschi, presidente FIDA e DAI, mentre la tavola rotonda, coordinata dalla giornalista Ilaria Sotis, è dedicata agli attuali modelli culturali che favoriscono anoressia, bulimia e obesità e alle risposte delle istituzioni pubbliche e private. Intervengono Domenico Cosenza, dell’Università di Pavia; Laura Dalla Ragione, del Centro disturbi del comportamento alimentare di Todi; Giovanna Melandri, già ministro per le Politiche Giovanili; Giorgia Meloni, già ministro per la Gioventù; Anna Maria Speranza, della Sapienza Università di Roma.

“Anoressia, bulimia, obesità e gli altri disturbi del comportamento alimentare sono anzitutto patologie psichiche complesse, che incidono però pesantemente sulla salute del corpo”, commenta Flaminia Cordeschi. “Il problema – aggiunge – si riflette negativamente anche sulla vita di relazione e colpisce adolescenti e giovani donne in misura superiore rispetto a quella degli adulti e dei maschi, anche se si sta assistendo all’estendersi del disturbo all’età adulta e all’aumento dell’incidenza negli uomini”.

La Dott. Cordeschi ricorda poi i dati del Ministero della Salute sulla diffusione del fenomeno in Italia: “quasi 10 ragazze su 100 tra i 12 e i 25 anni soffrono di questi disturbi, 1-2 nelle forme più gravi. Il rischio di morte è 12 volte maggiore rispetto a quello degli altri coetanei. Complessivamente, anoressia, bulimia e obesità interessano circa tre milioni di persone, con un aumento annuale vicino alle diecimila unità. Nel Lazio – conclude – si stima che circa 50.000 persone siano affette da DCA nella fascia tra i 12 e i 25 anni”.

La Federazione costituisce una rete privata a livello nazionale in grado di affiancare le istituzioni pubbliche, spesso con risorse umane ed economiche insufficienti, nell’affrontare i disturbi del comportamento alimentare. FIDA è presente in 8 città italiane (Torino, Alessandria, Milano, Verona, Firenze, Ancona, Roma, Salerno) e svolge attività di formazione degli addetti, di prevenzione rivolta a famiglie, scuole, strutture sanitarie, di promozione di un modello multidisciplinare per la cura dei DCA che utilizza competenze diverse (psicologi, medici, nutrizionisti e psichiatri) integrate in un approccio di tipo psicoanalitico.

L’incontro si svolge nella sede romana di FIDA e di DAI in Via Sallustiana, 1A con la presenza dei presidenti delle sedi locali. È anche l’occasione per far conoscere il sito www.fidadisturbialimentari.it, dove si possono trovare tutte le informazioni sui disordini del comportamento alimentare e sulle attività promosse dalla Federazione.

Programma:

Ore 17,30 PRESENTAZIONE
Il trattamento in istituzione privata dei disturbi del comportamento alimentare: una nuova realtà romana e nazionale
FLAMINIA CORDESCHI (Presidente FIDA e DAI)

Ore 17,45 TAVOLA ROTONDA
Modelli socio-culturali e integrazione tra pubblico e privato nella prevenzione e nella cura di anoressia, bulimia e obesità
Coordina ILARIA SOTIS (giornalista Rai)
Intervengono
DOMENICO COSENZA (Comunità La Vela, FIDA Milano)
LAURA DALLA RAGIONE (Centro disturbi del comportamento alimentare, Todi)
GIOVANNA MELANDRI (già Ministro per le Politiche giovanili)
GIORGIA MELONI (già Ministro per la Gioventù)
ANNA MARIA SPERANZA (La Sapienza Università di Roma)

Ore 18,30 DIBATTITO

Brindisi augurale dalle 19 alle 22

Opere del pittore Giancarlino Benedetti Corcos
Performance di Mauro Pallagrosi e Tommaso Mazzetta (sassofono, contrabbasso)

Informazioni:

FIDA (Federazione Italiana Disturbi Alimentari)
Via Sallustiana 1/A