Home Notizie Città Metropolitana

In arrivo il Pomezia Light Festival

Il  9, 10 e 11 giugno la Città si trasforma in un teatro a cielo aperto per il primo Festival delle Luci

SHARE

Una tre giorni interamente dedicata alle luci: realtà aumentata, videomapping, performance digitali, istallazioni artistiche, incontri, workshop ed esposizioni. È questo il Pomezia Light Festival che il 9, 10 e 11 giugno prossimi illuminerà le strade e le piazze della Città. “Un evento unico – spiega la vice Sindaco Elisabetta Serra – che vedrà Pomezia trasformarsi in un teatro all’aperto e ospitare le installazioni di 12 artisti italiani e internazionali. Pomezia è la prima Città dell’Agro Romano ad ospitare un Festival delle Luci: ne siamo orgogliosi e siamo certi che sarà il migliore inizio per l’Estate pometina”. “Il Pomezia Light Festival – aggiunge il Sindaco Fabio Fucci – sarà l’occasione per radunare in Città artisti in grado di valorizzare con le loro opere edifici, luoghi e strutture particolarmente interessanti, e allo stesso tempo rileggere in chiave critica situazioni architettonicamente problematiche. L’ambiente urbano, la nostra Città, diventerà essa stessa un’opera d’arte contemporanea”.

L’evento, organizzato da Opificio, si terrà il 9,10 e 11 giugno prossimi e si articolerà in appuntamenti diurni – in particolare incontri, workshop, seminari aperti a tutti e serali, con proiezioni ed esposizioni. Tre giorni dedicati alle luci: 30 artisti con 14 installazioni che si estenderanno sul territorio per un percorso urbano di 1,5 chilometri e che illumineranno 1400 metri quadri di Città. Tre le location principali: piazza Indipendenza, piazza San Benedetto da Norcia e l’ex Consorzio agrario in via Cincinnato.

Il Festival si muove su due linee direttrici: la valorizzazione di luoghi, edifici, strutture particolarmente interessanti e al contrario la rilettura in chiave critica o esaltativa di situazioni architettonicamente problematiche. Vogliamo creare nella città di Pomezia un polo di riferimento per gli artisti, diffondere e favorire la scoperta di un nuovo modo di produrre arte e spettacoli attraverso le tecnologie digitali e il linguaggio della luce. L’evento propone la creazione di una finestra su un panorama artistico più vasto, invitando anche artisti nazionali e internazionali a farne parte.