Home Rubriche City Tips

Istat/redditi: famiglie piu’ povere nel 2009

SHARE
soldi

Paolo Landi, Adiconsum: “Per il 2010 in mancanza di provvedimenti la situazione rischia di essere più pesante”.  Il bonus incentivi è una goccia nel mare. Maggiori controlli sugli aumenti ingiustificati di carburanti, assicurazioni, acqua e rifiuti.
I dati Istat sui redditi e sui risparmi delle famiglie del 2009 sono molti gravi. Evidenziano una caduta del risparmio di circa il 3%, un minor reddito di circa il 2% e una riduzione del potere d’acquisto di circa il 2,5%.
Tutto ciò è avvenuto in un anno in cui sono intervenuti in modo rilevante gli ammortizzatori sociali della Cassa integrazione ordinaria e straordinaria.
Il 2010 rischia di essere per le famiglie italiane ancora più pesante, poiché molte Casse integrazioni si stanno traducendo in minor occupazione sia precaria che regolare.
Per contro non vediamo interventi significativi da parte del Governo per cambiare tale situazione.
Il bonus incentivi potrà incidere più o meno su 500.000 acquisti di beni di consumo: è una goccia nel mare. Non solo. In assenza di controlli seri, il bonus rischia di andare a favore dei commercianti e non dei consumatori.
Adiconsum ritiene fondamentale che il Governo proceda sia con un alleggerimento delle tasse sui redditi da lavoro dipendenti e sui pensionati, le cui minori entrate per lo Stato vanno compensate con una più decisa lotta all’evasione fiscale, sia con più controlli sugli aumenti ingiustificati a partire da quelli dei carburanti, delle assicurazioni, dell’acqua e dei rifiuti.