Home Rubriche City Tips

Lenti a contatto: la tecnologia del futuro

SHARE

Le lenti a contatto sono un prodotto che esiste già da molti anni, e che è stato costantemente migliorato nel corso del tempo. Addirittura, la prima lente a contatto sembra essere stata inventata da Leonardo da Vinci: nel 1508, lo scienziato si rese conto che, immergendo l’occhio in una sfera riempita di acqua, la percezione sensoriale fra retina e cornea è differente. Ovviamente, i primi modelli erano molto più rigidi e difficili da portare di quelli attuali. Le prime lenti a contatto in idrogel furono create solo negli anni 60, da due ricercatori cecoslovacchi, Drahoslav Lim e Otto Wichterle. Sempre nello stesso periodo, in Italia, furono create anche le prime lenti rigide ortocheratologiche, quelle che modificano il profilo corneale per correggerlo e permettere una visione nitida. Oggi ci si può avvalere della comoda vendita di lenti a contatto online per ricevere questi modelli direttamente a casa propria, in quanto rappresentano una delle tipologie più comuni sul mercato ormai alla portata di tutti.

Ultimamente  si sono fatti passi da gigante nell’innovazione di questa tecnologia. Per esempio, gli ultimi modelli possono essere inseriti permanentemente dentro l’occhio e sono definiti lenti “bioniche”. Questo nuovo tipo di lente a contatto non si può comprare online, ma viene inserito nella cornea dal medico, tramite l’inserimento di soluzione salina, che contiene al suo interno la lente ripiegata. Secondo il medico che le ha create, la vista verrebbe recuperata immediatamente dopo l’intervento, e ben oltre i 20/20 della tabella di Sneller. Sembra anche che questa tecnologia permetta di prevenire i problemi di cataratta.

Anche importanti marchi di elettronica stanno investendo in questo campo, per esempio creando un modello di lente con display, fotocamera, ripetitore wireless e sensori di movimento integrati. Si tratta di lenti a contatto“intelligenti”, che rientrano nella sfera delle tecnologie indossabili e che fanno sorgere alcuni problemi etici: davvero potremmo andare in giro scattando foto passando inosservati, in un futuro non tanto lontano? E che dire dei dati che si potrebbero trasmettere? Altri modelli in progettazione stanno riuscendo a controllare malattie come il diabete, usando una lacrima come indicatore e comunicando direttamente i dati al computer o al proprio medico di base.

Fonte

Tornando nell’ambito delle lenti a contatto che si possono comprare online, oggi i nuovi modelli permettono di aiutare anche coloro che non hanno intenzione di tornare ad indossare gli occhiali, ma soffrono di occhio sensibile alla secchezza. passando inosservati sono normalmente composte da un mix di polimeri sensibili all’acqua, che assorbono una grande quantità di questa sostanza. Questo può portare la lente ad assorbire l’umidità oculare, causando problemi a chi soffre di secchezza oculare. Per risolvere questo problema, oggi si possono comprare lenti a contatto online a basso contenuto di acqua, con un minore potere assorbente. Una valida alternativa è l’utilizzo di lenti orto-k: questi modelli vengono indossati durante la notte e rimossi al mattino, perché rimodellano momentaneamente le imperfezioni visive dell’occhio, permettendo a coloro che non ci vedono bene una visione diurna eccellente senza protesi inserite.

Fonte

Prenderci cura dei nostri occhi con i migliori prodotti in circolazione è importante, così come prestare attenzione a lavare le mani prima di inserire le lenti, conservarle nel modo migliore possibile e rimanere sempre idratati durante l’utilizzo, per prevenire la disidratazione oculare, almeno fino a quando le nuove tecnologie non ci permetteranno diversamente!