Home Rubriche City Tips

Metodo Callan: imparare l’inglese in un quarto del tempo?

SHARE

Da qualche tempo si sente parlare spesso di nuovi metodi di insegnamento dell’inglese. Il più noto è sicuramente il “Callan Method”, un tipo di corso “botta e risposta” che desta curiosità e perplessità. Cerchiamo di fare chiarezza e di rispondere a qualche dubbio.

Tutti, negli anni zero, hanno bisogno, necessità o curiosità di imparare la lingua madre della globalizzazione: l’inglese. Purtroppo non tutti hanno la possibilità di studiare in un paese madrelingua, che resta ad oggi la migliore soluzione per praticare immediatamente sul campo ciò che si apprende durante un corso. Così la maggior parte delle persone ricadono sulle scuole nella propria città, più o meno accreditate.

In molti avranno sentito parlare di un “nuovo” metodo, che promette di far incamerare l’inglese in un quarto del tempo. Invece di impiegare 350 ore, che equivalgono a 4 anni accademici, per arrivare al livello del Cambridge Preliminary, esiste la possibilità di raggiungere tale conoscenza della lingua in 80 ore, 160 per il First. Miracolo? Forse no, forse si. O forse, semplicemente, dipende dal tipo di persona e dal tipo di background linguistico che si ha. O dagli obiettivi che si desidera raggiungere.

Stiamo parlando dell’ormai mitologico “Callan Method”, che nuovo in realtà non è. Infatti esso venne inventato da Robin Callan nel 1960, che poi fondò una scuola di inglese in Oxford Street, a Londra, negli anni ’70, ad oggi ancora esistente.
Molti si chiedono come funziona e a chi sia adatto questo metodo, visto che esce notevolmente dagli standard di insegnamento classico. Facciamo un po’ ordine e chiarezza.

Esistono 12 livelli che vanno dal principiante all’avanzato. Ogni livello, per essere superato e appreso, richiede circa un mese di studio. Dunque si prevede che l’intero corso duri un anno. Ogni livello ha un libro dedicato e dei cd, che sono strutturati – come anche le lezioni – con una serie di domande e risposte create con delle parole o delle regole esplicitate durante il capitolo. Durante la lezione in aula gli insegnanti, rigorosamente madrelingua, incalzano con domande create ad hoc gli studenti, che devono rispondere seguendo la formula della domanda e cercando di utilizzare le parole e le regole imparate. Alla fine della lezione si alternano prove di dettato e di lettura, per incamerare anche un minimo di parte scritta, che è per lo più bandita durante la spiegazione, in quanto il metodo si basa tutto sull’oralità.
Il metodo Callan, dunque, si basa sulla ripetizione e la velocità di un continuo botta e risposta, e tenta di far apprendere la lingua con lo stesso procedimento indotto ai bambini che imparano la loro lingua natale. A prima vista potrebbe sembrare un modo confusionario, ripetitivo e invasivo – e per molti lo è – ma in realtà stimola moltissimo l’ascolto e la capacità di esprimersi, privilegiando questo aspetto della lingua rispetto allo scritto.
Alla fine di ogni livello gli studenti dovranno sostenere un esame per passare al livello successivo.
A chi è adatto? A chi vuole incamerare soprattutto l’inglese parlato e magari ha già una base quantomeno scolastica di grammatica. Nonostante il metodo si dica in grado di far apprendere l’inglese anche ad un principiante, sicuramente avere già idea del funzionamento della lingua non può che giovare e rendere l’apprendimento più proficuo e stimolante.

Tra gli aspetti positivi dello studiare l’inglese in questo modo c’è sicuramente il fatto che un corso del genere è divertente e stimolante, inducendo anche le persone più timide a sforzarsi di parlare. Non ci sono compiti a casa – anche se sarebbe meglio utilizzare il libro di testo ed i cd per un ripasso, come in tutte le materie – e soprattutto le scuole Callan sono molto più economiche di quelle normali. Il problema è trovarle, visto che non sono propriamente diffuse.

Il consiglio è di fare una lezione di prova, che le scuole mettono a disposizione, o di acquistare uno dei tanti “deal” che ogni giorno escono su uno dei siti di acquisto di gruppo. E se vi convince e fa per voi, potreste pensare di continuare, cercando di soddisfare le vostre esigenze.

Per informazioni: www.callan.co.uk

Serena Savelli