Home Rubriche City Tips

Metro C: il Codacons denuncia i problemi sulla nuova linea

SHARE
marinometroc2RID

Sedute, ascensori e scale mobili osservate speciali sulla tratta Pantano-Centocelle

I PROBLEMI – Non sono mancate le critiche dopo l’inaugurazione del tratto Pantano-Centocelle della Linea C. Ad elencare tutte le criticità di treni e stazioni ci pensa il Codacons, che in una nota richiama l’Amministrazione a risolvere al più presto questi problemi: “Una situazione di particolare pericolosità si registra al capolinea di Monte Compatri-Pantano – denuncia l’associazione – Fuori da tale stazione, infatti, per raggiungere l’altro lato della strada (via Casilina) gli utenti sono costretti ad utilizzare strisce pedonali ‘invisibili’, ossia quasi cancellate del tutto dall’asfalto, nonostante le automobili in tale tratto sfreccino a velocità sostenute. Una situazione di evidente pericolo per i cittadini, che avrebbe dovuto essere risolta prima dell’inaugurazione della linea”.

I SEDILI – Altro tema della denuncia sono le forniture interne dei convogli: “I sedili per i passeggeri non appaiono particolarmente confortevoli: le sedute sono infatti eccessivamente rigide con conseguenze negative per la schiena, e lo spazio per le gambe limitato, così da non far brillare per comodità i nuovi treni. Gli utenti intervistati dall’associazione hanno poi segnalato l’eccessivo caldo all’interno delle carrozze, nonostante i treni siano tutti climatizzati”.

GLI ASCENSORI – Problemi anche con l’ascensore nella stazione di Grotte Celoni che risulta essere fuori uso, come una scala mobile nella stessa stazione: “Chiediamo al Comune di intervenire per eliminare tutte le situazioni di disagio o di pericolo per i passeggeri della nuova linea – afferma il presidente Carlo Renzi – Problemi come quello di Pantano avrebbero dovuto essere risolti ben prima dell’apertura della Metro C, dotando la stazione di infrastrutture adatte ad una metro di nuova generazione”.