Home Rubriche City Tips

Nasce ¡ViviMontagnola!: aggregazione, condivisione e rilancio del quartiere

SHARE
vivimontagnolaRID

Un gruppo Facebook per rilanciare l’economia del quadrante, guardando alla rinascita del quartiere

L’AIUTO DEL WEB – Un quartiere vivo, frequentato e con molta offerta commerciale e culturale è un luogo dove sicuramente è bello vivere. Ma quando l’attivismo, la pubblicità e il passaparola non basta, allora è il momento di rivolgersi al web. L’iniziativa messa in campo nel quartiere Montagnola è sicuramente da tenere d’occhio. Un esperimento non solo commerciale ma soprattutto sociale, che vede coinvolte le realtà dell’attivismo, i comitati di quartiere e i commercianti della zona. Da qualche giorno infatti è nato un gruppo Facebook chiamato ¡ViviMontagnola!, curato dal gruppo dei retakers del quartiere e dall’Associazione Eur-Montagnola Terra di Confine. 

RILANCIO COMMERCIALE – La volontà è chiaramente espressa nelle informazioni del gruppo: “Per chiunque fosse interessato a far rivivere decorosamente e commercialmente il nostro quartiere”. Per il momento solo alcune delle realtà commerciali del quadrante hanno aderito al gruppo, proponendo le fotografie dei loro prodotti e le offerte natalizie. “Stiamo cercando di far aderire tutte le attività commerciali della Montagnola – spiegano i curatori del gruppo – Potranno creare un loro album fotografico per essere sempre rintracciate e proporre, di volta in volta, le loro promozioni, iniziative e novità”. 

AGGREGAZIONE E CONDIVISIONE – Sicuramente questa iniziativa è da identificare come uno strumento di rilancio delle attività commerciali di prossimità, ma non solo: “Abbiamo notato che il quartiere ha un’atmosfera natalizia dismessa, la gente rimane sempre più spesso dentro casa – seguitano – Questo clima non giova all’intera comunità, per cui l’obiettivo di questa pagina è far conoscere una realtà viva del quartiere, far comprendere che abbiamo tutto e di tutto e che a volte il pessimismo può essere superato dalla semplice aggregazione e dalla condivisione”. 

Leonardo Mancini