Home Rubriche City Tips

Primo Maggio: i numeri dietro il concerto

SHARE
piazzasangiovani-concerto

800 agenti in servizio e 150 uomini dell’AMA per assicurare sicurezza e decoro

800 AGENTI IN SERVIZIO – Il grande successo del concertone del Primo Maggio ha visto la presenza in forze degli uomini della Polizia Locale di Roma Capitale. Sono stati 800 gli agenti dislocati per la giornata e provenienti da tutti i gruppi “per garantire assistenza e copertura dei numerosi eventi che hanno caratterizzato la giornata del Primo Maggio a Roma: manifestazioni e cortei, corse podistiche (Esquilino e Il Miglio di Roma), pellegrinaggi giubilari, dove alla Madonna del Divino Amore i vigili hanno gestito il traffico dell’area, invasa da 400 bus carichi di pellegrini – spiega una nota del Corpo dei Vigili – E poi gli eventi in Vaticano, con il Regina Coeli di Papa Francesco e il Giubileo dei Militari, e ancora il traffico e la sicurezza attorno al Concertone di piazza di S.Giovanni, in contemporanea con l’incontro di calcio Lazio-Inter allo Stadio Olimpico”.

IL CONTRASTO ALL’ABUSIVISMO – Costante l’azione di contrasto all’abusivismo, soprattutto durante il concerto in Piazza San Giovanni dove il gruppo Trevi ha predisposto una task force contro la vendita abusiva di bibite, alcoolici e panini anche fuori degli spazi consentiti. “In particolare, in via Carlo Felice i Vigili hanno scoperto un grosso furgone a ridosso di uno dei varchi di sicurezza che, a fronte di una autorizzazione per una singola postazione riforniva una quindicina di venditori “sguinzagliati” all’interno dell’area concerto che con carrelli, bagnarole con ghiaccio e zainetti, tentavano la vendita di alcoolici fin sotto il palco. Nel furgone – seguita la nota degli agenti – oltre a lattine e bottiglie di birra ed altro, gli agenti hanno rinvenuto 9 carrelli e 10 zaini carichi e pronti per operare in piazza. Il sequestro di tutta la merce, effettuato dagli agenti, ha di fatto stroncato un lucroso business. In complessivo durate la giornata i Vigili hanno eseguito 80 sequestri, per un totale di 5500 pezzi”.

LA PULIZIA DELL’AREA – Imponente anche la macchina messa in piedi per la pulizia dell’area a termine del concerto. L’AMA ha predisposto circa 150 operatori che, nella notte, hanno raccolto oltre 40 tonnellate di rifiuti. “Tutti i materiali riciclabili – spiega una nota dell’azienda – sono stati avviati alle rispettive filiere di recupero. Già alle 3.30 del mattino, sia piazza San Giovanni in Laterano sia tutte le strade limitrofe sono state riaperte al traffico e alla regolare viabilità. Le squadre Ama hanno inoltre effettuato più passaggi di disinfezione e sanificazione di tutta l’area e, in particolare, nelle zone adiacenti ai 200 bagni chimici collocati per l’occasione”.