Home Rubriche Binario21

Regali: fai la scelta giusta

Crisi da regali di Natale? Ecco le nostre proposte sostenibili

SHARE

Tratto da Urlo n.163 Dicembre 2018

Le festività natalizie sono alle porte. Perché non approfittarne per finanziare alcuni progetti virtuosi regalandoli ai nostri cari? Sono sempre più le start up e le associazioni (molte italiane) che si spendono per ideare dei prodotti o delle iniziative volti alla sostenibilità ambientale o all’utilità sociale. Per Natale uscire dai soliti circuiti commerciali potrebbe essere un’idea originale, utile e che lascia il segno!

Tra le iniziative sulla sostenibilità ambientale una delle più note è Treedom, l’unica piattaforma web al mondo che permette di piantare un albero a distanza e seguirlo online tramite una pagina dedicata. Dalla sua fondazione, avvenuta nel 2010 a Firenze, sono stati piantati più di 400mila alberi in Africa, America Latina, Asia e Italia. Impiegando contadini locali, Treedom contribuisce a produrre benefici economici, sociali e ambientali.

Per i più “fashionisti” ci sono i gioielli in alluminio del brand italiano No War Factory. Questo materiale è stato riciclato da ordigni bellici risalenti alla guerra del Vietnam, lavorato poi in Laos da artigiani locali. Acquistando questi manufatti si contribuisce all’economia dei villaggi coinvolti nel progetto, all’acquisto di filtri per depurare l’acqua e a sostenere le associazioni di sminamento che operano su questi territori.

Un progetto completamente dedicato alle donne (anch’esso nato da un imprenditore italiano) è quello di I Was a Sari. La casa di moda, con sede a Mumbai, in India, produce accessori e gioielli ricavati da vecchi vestiti tradizionali indiani. All’interno sono impiegate molte donne salvate da situazioni di degrado sociale. L’impegno di I Was a Sari è infatti quello di creare un ambiente lavorativo che possa essere un riscatto per il mondo femminile indiano, spesso ai margini della società.

Gli amanti del mare non rimarranno indifferenti agli oggetti in plastica riciclata di Save the Waves e 4Ocean. Entrambe le iniziative hanno lo scopo di pulire gli oceani e le coste e l’acquisto dei loro prodotti finanziano questa ammirevole mission.
Chi ama mangiare sano e bene potrà apprezzare l’offerta di BioFarm Orto, una start up romana che affitta appezzamenti di terreno per chi ha sempre sognato di avere un orto proprio pur abitando in città. Questo spazio verrà gestito da agronomi esperti e l’affittuario potrà recarsi al terreno durante il periodo di raccolta. Altra iniziativa in tal senso è L’Alveare che dice Sì!, un progetto di filiera corta parigino, oggi attivo anche in Italia, volto a creare dei punti di raccordo tra produttori locali e consumatori (i cosiddetti alveari) grazie a volontari che mettono a disposizione degli spazi, in giorni e orari stabiliti. Attraverso il portale, quindi, è possibile fare la spesa e poi ritirarla presso l’alveare più vicino a casa. In questo modo si mangia bene, si aiuta l’economia locale e si contribuisce a creare un tessuto sociale, come in un mercato vero e proprio. Ovviamente, in questo caso, è possibile regalare una gift card sul sito ufficiale dell’iniziativa.

Non ci resta che augurarvi uno splendido Natale e un felice anno nuovo!

Serena Savelli