Home Rubriche City Tips

Safety Driver: guida sicura la notte di San Silvestro

SHARE

Safety Driver, l’iniziativa gratuita per la guida sicura la notte di San Silvestro: vetture e motorini saranno a disposizione di tutti coloro che – per stanchezza o per aver bevuto troppo – sceglieranno di non mettersi alla guida compiendo un atto consapevole e maturo evitando così spiacevoli conseguenze

Nella notte di Capodanno si brinderà l’arrivo del 2012 con bollicine e alcool, ma per non rischiare di mettersi alla guida in condizioni non idonee e diventare così un pericolo per sé stessi e per gli altri, quest’anno nella Capitale è attivo il progetto Safety Driver, pensato per fornire maggiore sicurezza a chi guida grazie ad un servizio di riaccompagno a casa con mezzo proprio, o con vetture messe a disposizione dall’organizzazione, guidate da uno dei 60 driver che collaborano all’iniziativa. Il Safety Driver, come spiega la parola, riconduce a casa il cliente e la sua auto in sicurezza quando si è bevuto un po’ troppo, oppure, se a conclusione della serata si è un po’ stanchi e consapevolmente si sceglie di non mettersi alla guida, evitando di rischiare la patente e la vita. Il servizio è patrocinato da Roma Capitale e promosso dall’associazione Stradamica, Toga Project, e Publiglobe, e sarà eccezionalmente gratuito per la notte di San Silvestro: da mezzanotte del 31 dicembre alle sei del mattino del 1 gennaio saranno impiegate 10 vetture di ricognizione e supporto logistico, 10 motorini, e una ventina di persone che coordineranno le attività durante la notte dell’ultimo dell’anno. Si potrà richiedere il Safety Driver compilando un modulo on line, oppure telefonando al numero verde 800589263, ma sarà possibile chiedere il servizio anche direttamente ad uno degli info point presenti in diverse piazze centrali della Capitale tra cui piazza di Spagna, Campo dei Fiori, ponte Milvio, ma anche all’Eur in piazza Marconi e a Testaccio, con navette itineranti che offriranno anche la possibilità di effettuare volontariamente il test alcolemico.

Michela Romoli

SHARE