Home Rubriche City Tips

Vigili: con lo Street Control cambiano le regole delle sanzioni

SHARE
streetcontrol

Con i nuovi strumenti in dotazione le infrazioni saranno segnalate in tempo reale

IL NUOVO SISTEMA – 50 sanzioni in 90 minuti, è questo il bilancio del primo giorno di utilizzo del sistema Street Control per i posti di controllo della Polizia Locale di Roma Capitale. Questa prima sperimentazione è stata effettuata questa mattina in via delle Fornaci in zona San Pietro. 

LO STREET CONTROL – Il sistema Street Control è già in uso nella Capitale e fino ad oggi era stato utilizzato soltanto per combattere la sosta selvaggia. Ma ora lo stesso sistema, posizionato in maniera fissa al lato della strada, è in grado di leggere le targhe di tutte le auto che le transitano segnalando in rosso e con un “beep” una mancanza di assicurazione, una revisione scaduta o, peggio, se il veicolo è di provenienza furtiva.

CONTROLLO IN TEMPO REALE – Il sistema è stato spiegato dalla Polizia Locale: “Osservando un tablet, l’agente “segnalatore” segnala l’auto alle altre pattuglie posizionate a valle della postazione, che hanno il compito di fermare il veicolo sospetto. Durante i controlli, gli agenti distribuiscono anche un opuscolo che riporta cifre sugli incidenti stradali, soprattutto dovuti alla scarsa efficienza dei veicoli, con l’intento di sensibilizzare i cittadini sulla utilità di un controllo dei veicoli circolanti”.

AUMENTA LA PERCENTUALE DI SANZIONI – Con questo nuovo sistema di controllo la percentuale dei veicoli fermati che risulta positiva a infrazioni legate a mancanza di assicurazione, revisione o altro, si attesta a valori vicini al 100%, mentre prima su dieci automobili fermate soltanto una veniva sanzionata (circa il 10%). “Con l’ausilio del nuovo strumento si otterrà quindi, a parità di agenti, una produttività considerevole a tutto vantaggio della sicurezza stradale – seguitano gli uomini della Polizia Locale – Intanto, da oggi sulle strade di Roma ci sono 50 veicoli pericolosi in meno, con massima efficienza per le forze in campo, evitando anche inutili fastidi agli automobilisti in regola”.

LeMa