Home Rubriche City Tips

Villa Mafalda Roma, le novità della radiologia high tech

SHARE

Con l’introduzione di nuove tecnologie sviluppate per la diagnostica e lo screening, la radiologia della capitale ha migliorato notevolmente la qualità dell’offerta sanitaria per i cittadini. Una linea di pensiero che Villa Mafalda, clinica romana dotata di reparto di radiologia tradizionale e interventistica, condivide in toto, avendo in passato sottolineato la grande importanza di queste tecniche di monitoraggio. Negli anni, infatti, la funzione di questa branca medica si è evoluta in maniera consistente, con innovazioni tecnologiche che hanno migliorato sempre diversi aspetti della pratica, in primis:

  • Precisione degli strumenti
  • Velocità della prestazione
  • Riduzione dell’impatto delle radiazioni

Un boom tecnologico che le opinioni degli specialisti ritengono abbia avuto ripercussioni molto positive sull’offerta medica regionale. La multidisciplinarietà di questi strumenti è chiara anche nelle recensioni di Villa Mafalda, che ha evidenziato i numerosi esami possibili e la loro utilità nel formulare le diagnosi più diverse. Si pensi alla risonanza magnetica aperta, per lo screening tridimensionale, o all’esame Moc Dexa, pensato per valutare lo stato delle ossa, molto utile nei soggetti anziani a rischio di artrite reumatoide e osteoporosi.

Radiologia e oculistica, recensioni e opinioni Villa Mafalda

La tecnologia fotonica utilizzata per questo genere di rilevazioni ha saputo dare un grande supporto anche a branche specialistiche come l’oftalmologia. È il caso, per esempio, della tomografia a coerenza ottica (OCT). I commenti di AktiVision, reparto oculistico di Villa Mafalda a Roma, confermano le potenzialità di questa avanzatissima tecnologia di screening. I principali vantaggi sono infatti:

  • Alta accuratezza, per identificare membrane epiretiniche, fori e degenerazione maculare.
  • Bassa invasività, grazie al sistema di rilevazione contactless.

AktiVision indica sul suo sito (www.aktivision.it) come l’OCT trovi applicazioni sia in fase di diagnostica che per verificare lo stato dell’occhio in seguito all’operazione chirurgica.

Con lo sviluppo di tecniche sempre più avanzate, questa disciplina si è evoluta fino a rappresentare uno strumento importante anche in fase di operazione. Le recensioni degli specialisti e l’esperienza del reparto di radiologia interventistica di VillaMafalda ne evidenziano per esempio l’utilità specialmente nell’ambito della chirurgia vascolare, proprio per via della loro bassissima invasività.

Clinica Villa Mafalda commenti su informatica e diagnostica

L’ultima frontiera della radiologia moderna è però quella dell’interpretazione precisa delle rilevazioni. In questo campo, l’informatica ha fatto passi da gigante, sviluppando insieme agli specialisti degli algoritmi capaci di aiutare il radiologo ad analizzare al meglio le immagini e i dati ottenuti. La comunità scientifica ha espresso recensioni e commenti estremamente ottimistici riguardo all’accuratezza di questi sistemi. Villa Mafalda a Roma ha mostrato particolare interesse anche per il ‘deep learning’ dell’IA, la caratteristica che permette al sistema di apprendere nel tempo e raggiungere risultati sempre migliori.

Se a questi sviluppi si aggiungono anche le novità nell’ambito della realtà aumentata, per ottenere rilevazioni ad altissima fedeltà, e della stampa 3D per avere modelli dell’organo del paziente, è evidente che le prospettive di miglioramento nel campo della radiologia sono assolutamente positive. Un futuro incoraggiante che vede le case di cura della Capitale implementare soluzioni high tech per dare prestazioni sempre più efficaci ai pazienti. L’opportunità giusta per far sorgere la sanità della regione tra i poli di eccellenza nel contesto nazionale.