Home Rubriche Food & Beverage

Bollicine di Montagna e Cooking for art: l’enogastronomia da non perdere

SHARE

“Bollicine di montagna” sarà di scena dal 17 al 19 ottobre per una tre giorni di degustazioni degli spumanti del nostro territorio in sedici pregiati locali di Roma, per continuare poi fino al 22 ottobre presso le Officine Farneto con la rassegna enogastronomica Cooking for art.

Dal 17 al 19 ottobre Trentodoc sarà protagonista in sedici importanti enoteche, ristoranti e winebar di Roma, nei quali si potranno degustare le pregiate bollicine in abbinamento al cibo. 
Si apre così una settimana significativa per Trentodoc sull’importante piazza capitolina. Organizzata da Trentino Marketing in collaborazione con l’Istituto Trento Doc e con Luigi Cremona, noto critico enogastronomico, questa iniziativa farà da prologo alla manifestazione «Cooking for Art», organizzata sempre da Cremona in collaborazione con lo staff di Witaly. Una vetrina di eccellenza per le bollicine trentine, che rappresenteranno il “fil rouge” della manifestazione, in programma da sabato 20 a lunedì 22 ottobre, che avrà luogo presso le Officine Farneto, sede di eventi di prestigio. Un weekend nel quale la montagna sarà protagonista con i suoi sapori, alla riscoperta delle tradizioni più autentiche.
Sabato 20 e domenica 21 spazi aperti al pubblico con “Metedimontagna”, che prevede un fitto programma di incontri ed approfondimenti, ciascuno dedicato ai vari aspetti della montagna. Sarà possibile degustare Trentodoc presso un desk dedicato dove si potranno avere anche tutte le informazioni sui 39 produttori, e dove troveranno spazio i brindisi inaugurali e conclusivi delle giornate di esposizione.

Lunedì 22, invece, giornata riservata agli operatori; al mattino si svolgerà in anteprima la presentazione della “Guida Alberghi & Ristoranti d’Italia 2013” di Touring Editore e il pomeriggio avrà luogo la finale nazionale del Premio Miglior Chef Emergente d’Italia, organizzato in collaborazione con Trentodoc, sponsor ufficiale dell’iniziativa. Il vincitore rappresenterà l’Italia al Summit della Cucina Italiana nel Mondo a Hong Kong, il prossimo novembre. Fra i partecipanti un trentino, Diego Rigotti, rappresentante per il Nord Italia; 12 saranno i territori rappresentati (fra i quali vi sarà la Val di Fiemme), sei cucine delle minoranze (fra le quali quella ladina), 23 chef di montagna (uno di essi sarà Alessandro Scamozzi), oltre a 12 chef della capitale.

Ma Cooking for Art, dalla parola stessa, non è solo cucina o turismo, bensì anche l’arte del “saper fare”: quest’anno è stata selezionata l’arte della fotografia, e, grazie al gusto di Giulio di Mauro The Peer Gallery saranno ripercorsi i momenti della vita di montagna del tempo che fu grazie alla mostra delle sue foto d’epoca. Nella spaziosa balconata prederanno posto artigiani dalle raffinate esecuzioni, e ci sarà un angolo beneficenza gestito dagli Amici della Caritas. Non mancherà infine una serie nutrita di incontri a tema “mountain” con uno spazio “classroom”.

 

Gli spumanti trentini saranno presenti per tutte e tre le giornate (17-19 ottobre) presso i seguenti locali: All’Oro in via Duse, L’Arcangelo in via Belli, Beppe e i suoi formaggi in via S. Maria del Pianto, l’Enoteca al Parlamento in via dei Prefetti, l’Enoteca Ferrara in piazza Trilussa, Filippo La Mantia in via Vittorio Veneto, Glass Hostaria in vicolo dei Cinque, Il Goccetto in via dei Banchi Vecchi, Imago in piazza Trinità dei Monti, No.Au in piazza di Montevecchio, Pascucci al Porticciolo di Fiumicino, Passaguai in via Leto, Riscioli in via dei Giubbonari, Sorpasso in via Properzio, Tastevin in via Menotti e Trimani in via Goito.