Home Rubriche Food & Beverage

Cupcakes alle carote viola

SHARE

Nell’impeto di giubilo seguito alla vittoria elettorale del buon abbronzato Barack, oltre che per riprendermi dallo spavento mortale causato dal mio amato Iron fidanzato che mi ha svegliata con caffè e ferale bufala della vittoria di Romney, mi sono dedicata a questi buonissimi e super scenografici dolcetti.

Inutile dire che le carote arancioni e una bella dose di colorante possono dare quasi lo stesso risultato ma volete mettere?! Mani macchiate per due giorni, ciotole zozze da ripulire con l’aceto… ma che soddisfazione!!
Diciamo che il grosso della ricetta é procurarsi le suddette carote: a me sono piovute dal cielo sotto forma di busta di viveri giunta da fonti genitoriali, onestamente in giro di recente non mi è capitato di vederle ma devo dire anche di non averle mai cercate.

Detto questo, sottintendendo velatamente “problemi vostri” (!), ingredienti:

– carote viola 250 gr
– farina di mandorle 100 gr
– farina 00 150 gr
– fecola di patate 50 gr
– latte 2 cucchiai circa
– lievito 1 bustina (16 gr)
– limone o arancia la scorza di 1
– olio di semi 120 ml
– uova 1 intero + 1 tuorlo
– vanillina 1 busta
– zucchero 200 gr

L’unica variante che ho apportato é stata l’eliminazione della farina di mandorle che ho cercato ma non trovato (e anche se l’avessi trovata, dopo averla vista ieri al supermercato a 5 euro e passa per 250 gr, non l’avrei presa comunque!). Quindi ho usato la stessa quantità di farina normale e un cucchiaio di farina di cocco tanto perché fa folklore. Devo anche ammettere che adesso rileggendo la ricetta e pensando a quella scatola di fecola di patate che ho rimesso a posto in dispensa ieri ancora ben chiusa così ad occhio e croce direi che anche quella non l’ho messa! Bah vabbe siamo ancora tutti vivi quindi si può fare!

Iniziate pulendo le carote e frullandole finemente nel mixer. Con la planetaria o in una ciotola con le fruste elettriche montate le uova con lo zucchero finché non diventano chiare e spumose. A questo punto unite le carote e un po’ alla volta tutti gli ingredienti secchi setacciati – le farine, la fecola, il lievito e la vanillina – amalgamate bene e completate aggiungendo anche la scorza di limone o arancia.
Terminate aggiungendo a filo l’olio poco per volta e mescolate. Alla fine l’impasto dovrà risultare bello morbido, in caso così non fosse aggiungete anche i famosi due cucchiai di latte.

Ora per fare le cose per bene lasciate riposare l’impasto per una mezz’oretta così che il colore si uniformi. Trascorso questo tempo foderate una teglia da muffins con appositi pirottini, riempiteli lasciando sempre un buon margine dal bordo in alto e infornate in forno già caldo a 180′ per circa 25 minuti. A me piacciono poco cotti, in modo che l’interno rimanga morbidissimo quindi dopo i primi 15/18 minuti ho iniziato a monitorare la cottura ad occhio e dopo qualche controllo con il solito stecchìno ho sfornato qualche minuto prima del previsto.
Fate raffreddare del tutto su una gratella prima di decorare, se volete, con un frosting che potete realizzare montando con le fruste elettriche circa 200gr di mascarpone con 200gr di formaggio fresco tipo Philadelphia e circa 50gr di zucchero a velo. Vi suggerisco di aggiungere lo zucchero a più riprese e assaggiare volta per volta così da poter scegliere l’intensità che preferite. Mettete tutto in una sac à poche con beccuccio e decorate!

Nell’attesa che i cupcakes cuocessero e travolta dal turbine di tonnellate di analisi post elettorali in tv ho preparato anche un altro dolcetto, ma ne riparliamo la prossima volta!

Armenia Baghdighian