Home Rubriche Food & Beverage

Maleducazione a tavola: gli errori degli italiani

SHARE

Bon ton, questo sconosciuto. Esiste un detto “a tavola e al tavolino si riconosce il signore e il signorino”. L’Accademia Italiana Galateo ha voluto verificare quanto si conosce del galateo della tavola in Italia. Per questo da più di 2 mesi, su un campione di più di 500 intervistati, l’Accademia Italiana Galateo ha deciso di effettuare un sondaggio sulle buone maniere a tavola. Il quadro è risultato un vero disastro. Infatti, attraverso i dati, possiamo evidenziare gli errori più comuni degli italiani a tavola:

l’87% crede che dire “buon appetito” sia un atto di cortesia;

il 74% crede sia giusto che al brindisi venga detto “cin cin”;

il 95% non sa che per il galateo, nel caso un piatto sia sciapo, il sale non deve mai essere chiesto alla padrona di casa;

l’82% non sa che formaggio e uova non devono mai essere tagliate con il coltello;

il 76% non sa che il pane va spezzato con le mani;

il 93% crede che per raccogliere gli ultimi cucchiai del brodo o del consommé il piatto o la tazza debba essere rivolta verso se stessi, invece che verso l’interno del piatto;

il 79% crede sia giusto che nelle interruzioni del pasto le posate vadano appoggiate con i lembi al piatto e le basi sulla tovaglia;

il 56% pensa che il tovagliolo sulle gambe non possa essere utilizzato per la bocca;

il 68% crede sia corretto mettere in bocca il cucchiaino del caffè dopo aver mescolato;

l’85% non conosce la giusta posizione dei piatti, bicchieri e posate.

Altri dati importanti riguardano le scelte degli alimenti e dei ristoranti, totalmente in contraddizione con le buone maniere e il bon ton:

il 63% pensa che per essere ricercati e chic, sia necessario portare in tavola piatti esotici e la scelta migliore del ristorante per una grande occasione sia il sushi;

il 56% crede non sia elegante presentare piatti del territorio ed eccellenze agroalimentari italiane;

il 43% afferma che è meglio presentare come antipasto un po’ di sushi che un prosciutto tipico locale;

l’ 89% pensa sia un comportamento corretto presentarsi ad un pranzo con un dolce;

il 67% pensa che avere il palato molto fine e rifiutare molte portate sia un atteggiamento chic.

Info: www.accademiaitalianagalateo.it