Home Rubriche Food & Beverage

Risotto porri e zucca

SHARE

Avete avanzi di zucca in frigo dopo aver fatto i biscotti? Ecco la soluzione. Sempre più sul pezzo oramai! Sono stupita di me stessa!

Tanto per iniziare una doverosa premessa sulla foto.
Non so se rendo.. Ero molto ispirata! Non fa molto la valle degli orti? O lineaverde? Per non dire Geo&Geo perché sarei di parte..
Ma poi di parte lo sono perché questa ricetta mi fa proprio pensare a mia madre (essa é la mia parte di Geo&Geo!), a quando me la rifilava da ragazzina e la detestavo – la ricetta, non la madre – quasi quanto il baccalà in umido.
La vita é sofferenza si sa!

Poi come spesso accade invecchiando i gusti maturano e cambiano e le zucche in frigo vanno smaltite e le vecchie ricette tornano in mente..e allora si parte alla caccia del porro sfuggevole e immaturo..pare che ancora non si trovino quindi ci siamo accontentati del cipollotto fresco, come si evince dalla di cui sopra foto.

Questa é veramente una ricetta da fare ad occhio, a seconda di quale sapore preferiate esaltare: la zucca é notoriamente più dolce, il porro porta il giusto bilanciamento e la mantecatura finale lo rende bello cremoso.
A me ad esempio é venuto in questo caso poco “zuccoso” ma ancora mi sto chiedendo se sia colpa della dose o della zucca medesima magari poco saporita.

In linea di massima per circa 300 gr di riso ho usato due mazzetti di cipollotti, quindi circa 5/6 pezzi e circa due etti e mezzo/tre di zucca tagliata a dadini piccoli. Avessi avuto i porri ne avrei usati un paio.

La preparazione é davvero semplice: fate soffriggere nell’olio o burro il porro/cipollotto fino a renderlo tenero ma non bruciato e aggiungete la zucca a tocchetti. Fate insaporire, aggiungete un dito d’acqua, coprite e cuocete a fuoco dolce. Ogni tanto controllate e mescolate (ovviamente aggiungete acqua se serve) finché la zucca non diventerà bella morbida e inizierà a sfaldarsi per bene. L’obiettivo é ottenere una bella crema schiacciandola anche semplicemente con la forchetta o il cucchiaio di legno, lasciando se vi piace giusto qualche pezzetto di zucca intero da sentire sotto i denti. Se vi ci piace spolverate un po’ di pepe per insaporire. Il sale io non l’ho messo,avendo poi usato un brodo saporito per cuocere il riso.
Una volta raggiunto il traguardo fissato per la zucca aggiungete il riso e tostatelo qualche minuto, poi aggiungete il brodo un mestolo alla volta e cuocete come ogni risotto che si rispetti.
Poco prima di ultimare la cottura completate mantecando il tutto con una bella noce di burro e del parmigiano.

Se avete usato i porri e volete arricchire il tutto di una piccola chicca decorativa potete riciclare i famosi anelli di porro croccanti che abbiamo fatto in un’altra occasione. Per chi non ricordasse: tagliate la parte avanzata del porro, quella verde, ad anelli e apriteli bene come le stelle filanti. Passatelli nella farina e buttateli nell’olio bollente (vi consiglio sempre un pentolino alto e stretto) finché non diventeranno dorati. Scolate e fate asciugare su carta assorbente poi spolverateli sulla porzione di risotto.

Vi annuncio che ho ancora un’altra zucca in cucina da finire quindi qualcos’altro verrà fuori!
Per il momento vi auguro buon Halloween, e ancora meglio buon ponte!

It’s a great pumpkin Charlie Brown!

Armenia Baghdighian