Home Rubriche Food & Beverage

Tatin di pomodorini

SHARE

Un languido venerdì pomeriggio, IronMan in salotto stranamente di passaggio a casa, il gatto ciccio mollemente adagiato sul pouf, Spritz fresco per inaugurare la bella stagione e musica che gira dai vari pc.

L’atmosfera giusta per stare in cucina e preparare una piccola ricetta per il pranzo del sabato con suocera & Co.
Ho deciso di sperimentare questa variante di Tatin, dall’aria piuttosto interessante.

 

Ingredienti:
400gr di pomodorini (diciamo quanti ne entrano nella teglia, senza sottilizzare!)
passata di pomodoro
1 confezione di pasta sfoglia
150 gr di brie
origano

Preparazione:
Lavare e tagliare i pomodorini a metà eliminando i semi. In una ciotolina mischiare 4 cucchiai di passata di pomodoro con dell’olio, sale e pepe. Posizionare i pomodorini, con la parte tagliata verso l’alto, in una teglia unta e riempire i pomodorini con la passata.
Infornare a 200 gradi per 30/40min.
Quando saranno ben cotti, togliere dal forno, tagliare il brie a fettine e posizionare sui pomodori, quindi stendere la pasta sfoglia, coprire con la carta forno e rinfornare per 25 min. Sfornare, girare su un piatto e servire calda.

Mi metto all’opera con il prezioso aiuto della sapiente tagliatrice di pomodorini -allergica ma stoica- perché sappiate che è veramente una rottura di scatole.., piccoli sfuggenti maledetti!
Mentre attendo il primo round di forno mi occupo anche della cena… ma quella è un’altra ricetta!
Seconda infornata come da indicazioni… ho aggiunto l’origano sui pomodorini prima del formaggio a mio gusto visto che è presente nella lista ingredienti ma non specificato nella ricetta!
Comunque è ufficiale che la parte più difficile sia il ricoprire la teglia con carta forno… come diavolo si fa?! Teglia rotonda + foglio sfuggente rettangolare di carta = una bella serie di ustioni… spero voi siate più abili di me, nota donna dalle multiple cicatrici da forno sulle mani!
Sfornata la Tatin e atteso quella mezz’oretta perche si scollassero tutti i pomodorini nel rigiramento su piatto siamo pronti per la foto e per riporla fino a domani. L’odore è molto molto invitante!

E’ ora di cena, passiamo alla prossima ricetta!

Armenia Baghdighian

 

SHARE