Home Rubriche Food & Beverage

Zucchine gratinate al formaggio

SHARE

Prima delle grandi abbuffate pasquali, una sera con poco cibo in frigo e pochissima voglia di cucinare, ho sfogliato un libro di ricette vegetariane che ho comprato tempo fa per trovare qualcosa da accostare a due lombatine di maiale.


Non riesco proprio a cenare senza un contorno o qualcosa di simile. Per IronMan sarebbe la cena perfetta, tipo quella fatta solo di dessert di Homer Simpson, ma io non ci riesco… probabilmente perché dopo aver finito la pietanza principale ho ancora una fame bestiale!

 

Comunque ho trovato la ricetta di questo timballo ed avevo abbastanza ingredienti per costruire l’impianto iniziale diciamo, poi ho fatto alcune modifiche in base a ciò che sono riuscita a recuperare dal fondo del frigo!

Ingredienti:

– 6 zucchine tagliate a rondelle
– 200 g di parmigiano grattugiato
– 125 ml di latte
– 125 ml di panna
– 2 uova
– Erbe aromatiche
– Sale, pepe, noce moscata

Saltate le zucchine in padella con una noce di burro finché non saranno dorate e salatele. Preparate nel frattempo in una terrina la miscela con le uova, il latte, la panna, sale, pepe e noce moscata. Qui io ho fatto la modifica, non avevo la panna, ho messo un po’ più di latte (che mi pare anche meglio) e un paio di cucchiai di formaggio tipo Philadelphia.
Ora distribuite metà delle zucchine in una teglietta, spolverate con qualche erba aromatica se vi piace l’idea (erba cipollina, timo, niente!) e con una parte del parmigiano. Coprite con un secondo strato e versate il composto. Terminate coprendo con il parmigiano rimasto.

Infornate a 180° per circa 35/45 min finché il timballo non risulterà bello sodo e dorato in superficie. Certo forse questo è più un piatto a sé che un contorno!

Piccola considerazione da onnivora qualunquista che spero non sollevi un vespaio ma venga presa per quello che è : so’ buona pure io a fare la vegetariana con ricette intrise di panna, burro e formaggi! A voler seguire le ricette che ho sfogliato si risparmieranno gli animali ma si rischia l’obesità!

Armenia Baghdighian