Home Rubriche Go Green

San Lorenzo: affidiamo il desiderio della nostra vita ad una stella cadente

SHARE

San Lorenzo attende la “pioggia di Perseidi”. Il nome “Perseidi” con cui gli astronomi le identificano deriva dalla costellazione di Perseo, da dove sembrano scaturire le loro tracce luminose.

Ed è proprio là infatti che conviene volgere lo sguardo per avvistarne di più, puntando verso Nord-Est, a metà tra la costellazione di Cassiopea (a forma di W) e la brillante stella Mirfak di Perseo. Sono popolarmente chiamate “Lacrime di San Lorenzo” in quanto in antichità il momento di picco si collocava intorno al 10 agosto, ma attualmente si è spostato nel corso dei secoli di circa due giorni in avanti. Ciononostante la notte di San Lorenzo conserva il proprio fascino ed è celebrata a Roma così come in tutta Italia con feste, sagre e musica a tutte le ore del giorno e della notte. Notte per la quale sono state scritte poesie, create delle sagre e organizzati ricevimenti ed eventi. Lavoro, soldi e amore, tutti con gli occhi al cielo nella speranza che i nostri desideri si avverino. E a farci compagnia tanti eventi nella capitale per festeggiare il Santo più atteso dell’anno. Ma da dove vengono e dove vanno le meteore, dalla coda delle comete all’impatto con la Terra? A queste domande, la sera del 10 agosto, risponderà l’astronomo Giangiacomo Gandolfi nello spettacolo “Quando cadono le stelle” in programma al Planetario. A seguire, un po’ di romanticismo con “Il cielo degli innamorati” di Gabriele Catanzaro (ore 22.30), un racconto sulle grandi storie d’amore. Ad agosto, il Planetario offre anche un “abbonamento a 4 stelle” grazie al quale è possibile assistere a 4 diversi spettacoli astronomici al prezzo di 3. La card è valida sei mesi dall’attivazione e dà diritto all’ingresso ridotto ai musei e alle mostre del Sistema Musei Civici e allo sconto del 10% nelle loro librerie.
Marzia Lazzerini